Zona 167, sventati furti d’auto

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 28 ottobre 2015

Zona 167, sventati furti d’auto


Ennesimo furto d’auto sventato nella zona 167 da un residente, che su Facebook denuncia: «due settimane fa hanno rubato la mia terza auto. Nel farlo ho rischiato molto poiché i tre ceffi, accortisi di me, non hanno lasciato perdere bensì hanno fatto cenno di farmi i fatti miei, di stare zitto. Uno addirittura è sceso dall’auto e mi è venuto incontro dicendomi che mi avrebbe tagliato la testa se avessi chiamato i carabinieri! Nonostante fossero solo le 20:40 per strada non c’era nessuno, ero solo!».

Il racconto ha del grottesco, perché l’improvvisato “agente” descrive dettagliatamente i fatti. Agendo secondo legge ( l’art.383 del Codice di Procedura Penale stabilisce che “ogni persona è autorizzata a procedere all’arresto in flagranza[1]“, con l’obbligo consequenziale di “senza ritardo consegnare l’arrestato e gli oggetti costituenti il corpo del reato[2] alla polizia giudiziaria, la quale redige il verbale[3] della consegna e ne rilascia copia”) l’uomo ha convinto i ladri a desistere

«Come ho fatto a cavarmela? Ero giù – prosegue – in attesa che scendesse mia suocera da casa mia per accompagnarla alla sua e appena lei ha aperto il portone mi sono fiondato dentro dicendole di non uscire e di tornare su! A questo punto i tre ceffi, forse perché gli avevo fatto perdere tempo e forse perché l’auto che stavano rubando “ha fatto resistenza” con i sui antifurti, si sono comodamente rimessi sulla loro potentissima Volkswagen Golf nera con fari allo xeno Bianchi (segnalatela se la vedete ancora) e sono andati via con tutta calma».

«Non è finita! Ho chiamato i carabinieri – prosegue il racconto del residente – e subito dopo ho citofonato al proprietario dell’auto. Saranno passati al massimo una decina di minuti, neanche il tempo di raccontare l’accaduto che in lontananza rivedo la Golf. Erano tornati a vedere com’era la situazione. Girano l’angolo, si immettono sulla statale in direzione Molfetta e appena lo fanno arrivano i carabinieri. Presto, presto! Sono andati via da quella parte. Scatta l’inseguimento! Se vi lasciassi immaginare il proseguimento della storia molti di voi si faranno condizionare dai telefilm polizieschi e immaginerebbero un inseguimento ad altissima velocità. Ma una Fiat Punto non può star dietro a una Golf 3000 a benzina! Dobbiamo fare qualcosa!».

Leitmotiv di tanti consigli comunali, la questione sicurezza nei quartieri di periferia – ed in particolare nella zona 167 – emerge in tutta la sua gravità. Sarebbe ora di pensare a videosorvegliare o a pattugliare l’area, anche attraverso nuove convenzioni con istituti di vigilanza privati?

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 28 ottobre 2015