Zona 167, entro il 30 settembre 2015 la consegna della scuola

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 21 novembre 2014

Zona 167, entro il 30 settembre 2015 la consegna della scuola


Buone nuove, per la 167, all’esito del question time di giovedì 20 novembre. La seduta di consiglio comunale dedicata alle interrogazioni consiliari, ha affrontato, su proposta del consigliere Angelantonio Angarano, la questione “zona 167”.  Oggetto, non le indennità di esproprio dei suoli, ma i problemi di natura materiale del nuovo quartiere: manutenzioni, urbanizzazioni, potature e aree verdi, trasporti.

A fornire ai 13 consiglieri in aula tutte le delucidazioni del caso, l’assessore ai lavori pubblici Vincenzo Valente, che, dopo una cronistoria dei fatti, ha fatto accenno al cronoprogramma ufficiale dei lavori in cantiere.

Quanto alla realizzazione della nuova struttura scolastica, i tempi sono stati definiti a seguito della recente aggiudicazione dei lavori da parte dell’impresa edile SINCO srl di Bitonto, che ha anche apportato migliorie al progetto redatto dall’equipe dell’arch. Luca Peralta nel 2009 per il concorso di progettazione indetto dal Comune  “Scuola in piazza a Levante”.

L’asilo, indispensabile per dare respiro anche alla sovraffollata scuola di via Martiri di via Fani, attende ora l’autorizzazione sismica, per cui è stata inoltrata richiesta alla Regione  alcuni giorni addietro. L’inizio dei lavori è previsto per gennaio 2015, la consegna entro il prossimo 30 settembre. 

«Con i restanti fondi a disposizione per le opere di urbanizzazione – pari a 103.594 euro, più 452.517 ancora a disposizione dell’amministrazione comunale, tenteremo di fare altro» spiega l’ass. Valente, che però fa presente che il Comune avanza dai residenti 1.345.655 euro dei 2.194.623 euro richiesti per le urbanizzazioni e la realizzazione degli impianti sportivi.

Saranno eliminate prestissimo anche le piste ciclabili con cordoli in cemento armato, così come già deliberato dalla giunta comunale il 27 ottobre scorso. Nei prossimi giorni, è prevista anche la sostituzione dei vecchi cassonetti per la raccolta differenziata con cassonetti più adeguati «anche se è in avanzata fase di studio la proposta di estensione della raccolta porta – a – porta al quartiere di Levante».

Circa la questione “verde” e, per cui gli abitanti lamentano incuria e alberature secche a cinque mesi dalla piantumazione, Valente ammette: «si era costituita un’ATI per messa a dimora e manutenzione del verde, che ha evidentemente fallito nell’impresa. Ne abbiamo già preso atto e provvederemo a rimediare».

Ultimo aspetto, quello della segnaletica stradale orizzontale e verticale, per cui sono previsti presto nuovi lavori. «Stante il recente smantellamento della linea elettrica da parte dell’Enel, abbiamo eliminato un primo ostacolo importante alla corretta circolazione. Resta il problema della cascina dei Caprioli sulla rotonda di via Fracanzano – via Porta. E’ un caso per cui non riusciamo ancora a trovare soluzione”.

E’ volontà dell’amministrazione, ha spiegato in conclusione Valente, stimolare anche l’attivazione di una cooperativa di comunità tra gli inquilini della 167 che, come riferiva Angarano, hano già espresso il desiderio di curare da sé verde pubblico, manutenzioni , igiene. “Si costituiscano formalmente e sperimenteremo anche questo modo di gestione più snello del quartiere”.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 21 novembre 2014