Welfare e sistema sanitario, la soluzione di Boccia: «No tagli lineari, via libera alla sanità integrativa»

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 5 giugno 2014

Welfare e sistema sanitario, la soluzione di Boccia: «No tagli lineari, via libera alla sanità integrativa»


Francesco Boccia

Francesco Boccia

Anche in sanità si risparmia. Per la prima volta nella storia dell’Italia si indaga come poter risparmiare senza rinunce, migliorando lo stato del welfare. A condurre l’indagine conoscitiva, il Parlamento, che ha tracciato un quadro della sostenibilità finanziaria della sanità italiana e proposto alcune soluzioni.

A margine dell’approvazione del documento, visionabile qui, Francesco Boccia, presidente della Commissione Bilancio della Camera, tira le somme. «Meno regioni nella sanità, no a tagli lineari e via libera alla sanità integrativa»

Il documento traccia tre linee guida per rendere sostenibile la sanità italiana: «Sanità integrativa, nessun taglio lineare e ridurre il potere delle regioni in questo specifico comparto. Credo sia proprio da qui – spiega Boccia – che ministero e regioni debbano ripartire, facendo proprio il lavoro fatto in questi mesi dalle commissioni bilancio e affari sociali».

«È la prima volta che il parlamento ha portato avanti un’indagine conoscitiva sulla sostenibilità finanziaria della sanità italiana. Nel corso dei lavori sono state auditi in un anno tutte le categorie del settore: medici, infermieri, centri di ricerca pubblici e privati, imprese pubbliche e private, ministero della salute ee. È stato un lavoro complesso e condiviso – ricorda Boccia – oggi abbiamo approvato il documento conclusivo con il voto favorevole di tutti i gruppi parlamentari, ad eccezione del M5S che, invece, ha deciso di astenersi».

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 5 giugno 2014