Waterfront, individuato il guasto: l’Aqp interverrà per ripristinare le condotte

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 7 luglio 2016

Waterfront, individuato il guasto: l’Aqp interverrà per ripristinare le condotte

Saranno necessari interventi complessi
13567521_1152002508198622_7592972036222635618_n

I dettagli del guasto

Lo avevamo scritto qui all’incirca un anno fa. Perché l’architetto Losapio, dirigente dell’ufficio tecnico comunale, era già a conoscenza degli atavici problemi che affliggevano il porto, avendo studiato, da lunga data, la questione e ce l’aveva illustrata.

Ora, a confermare il perché dei tombini che saltano alla prima pioggia, è anche Aqp, al termine di un tavolo tecnico voluto da comune di Bisceglie, a confermare i fatti: le vecchie e contorte condotte che portano alla pompa di sollevamento di via della repubblica – via Taranto, hanno delle falle.

Una  indagine strumentale con microvideocamera ha individuato l’esatto punto in cui una conduttura della fogna nera è saltata, a causa del ripetuto  sovraccarico delle tubazioni. A causare il flusso eccedente rispetto alle potenzialità del depuratore, sono gli scarichi “sbagliati” delle acque meteoriche nel centro storico. Tutte le palazzine costruire ante legge 319/1976, che dettava le “Norme di tutela delle acque dall’inquinamento”, producono scarichi «fuori tabella» per via delle acque meteoriche, che finiscono nella rete dei reflui fognari piuttosto che lungo il canale preferenziale della fogna bianca.

Un tentativo di sanare la situazione, comune a tanti comuni pugliesi, l’ordinanza sindacale n° 32 del 19/02/2014, che vieta su tutto il territorio comunale di «scaricare le acque pluviali negli scoli della fognatura nera. Le acque bianche devono essere condotte in apposita tubazioni esclusivamente allacciate alla rete stradale della fogna bianca, con disconnessione e abbandono degli eventuali pozzi neri esistenti, di fosse biologiche, pozzi perdenti e quanto altro».

Le cause, individuate alla presenza dei tecnici dell’acquedotto pugliese, saranno ora oggetto di opportuni interventi a cura e spese dell’acquedotto pugliese; lavori per la realizzazione dei quali, in ogni caso, il sindaco emetterà apposita ordinanza nelle prossime ore.

Resta il fatto che, per eliminare definitivamente il problema, tutti i privati si dovranno adeguare. Le utenze sono migliaia e i lavori necessari molti, anche sulle proprietà comunali concesse come case popolari. Sarà però probabilmente possibile intercettare anche fondi europei della nuova programmazione 2014-2020, consentendo una soluzione definitiva agli antichi problemi.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 7 luglio 2016