VIDEO | Piombo e micotossine nel pane, nella pasta e nelle merendine

Cronaca // Scritto da Vito Troilo // 14 aprile 2016

VIDEO | Piombo e micotossine nel pane, nella pasta e nelle merendine

Operazione del Corpo Forestale, denunciati 14 imprenditori

Metalli pesanti e micotossine: sostanze tossiche per l’uomo, alcune finanche cancerogene. Gli accertamenti effettuati dal Comando regionale del Corpo Forestale dello Stato hanno permesso di riscontrare la presenza di contaminanti vietati per legge nei prodotti immessi sul mercato locale. Su disposizione del pubblico ministero della Procura della Repubblica di Trani Antonio Savasta sono stati denunciati 14 imprenditori pugliesi e dell’Italia centro-settentrionale, con l’ipotesi di reato di frode nell’esercizio del commercio e di somministrazione di sostanze alterate.

Le località maggiormente esposte al fenomeno sono risultate, in seguito alle indagini, Bisceglie, Molfetta, Barletta e Altamura ma gli investigatori, al lavoro su questo caso da oltre due anni, non hanno voluto fornito i nominativi delle persone coinvolte.

Oltre ottanta esercizi commerciali, fra cui numerosi panifici, sono stati sottoposti a controllo mediante campionamenti e sono emerse situazioni particolarmente critiche riguardo alimenti con percentuali di contaminanti ben oltre la soglia di tutela. Sono stati analizzati pane, pasta e merende. In un’azienda privata che si occupa della preparazione dei pasti nelle scuole con bimbi da 2 a 3 anni, è stato accertato l’uso di pasta, pane e merende con piombo superiore ai limiti consentiti.

Micotossine, ed in particolare il deossinivalenolo, sono state riscontrate in due formati di pasta, che per la presenza in etichetta di elementi grafici ingannatori costituiti da immagini di cartoni animati, per il formato con sagome particolari (animali e autovetture), pubblicità e denominazione inducevano il consumatore a ritenere che fossero indirizzati all’alimentazione dei più piccoli.

Su più di un terzo del pane di semola di grano duro campionato è stato rilevato il superamento dei limiti delle micotossine (deossinivalenolo) e di metalli pesanti (piombo e cadmio) previsti per i bimbi fino a 3 anni e quindi la non idoneità alla consumazione per tale fascia di età.

In sostanza, il pane destinato indistintamente a tutti i consumatori, non era invece adatto per i bambini fino a 3 anni.

Sono stati sottoposti a sequestro oltre 10.000 quintali di semola, ricavata nella maggior parte da grano non italiano, utilizzata per la produzione dei prodotti alimentari nei quali sono stati riscontrati i maggiori livelli di contaminanti dannosi alla salute, in quanto superanti i parametri di legge con riferimento all’alimentazione infantile.

VIDEO | Piombo e micotossine nelle merendine. Operazione del Corpo Forestale

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Cronaca // Scritto da Vito Troilo // 14 aprile 2016