VIDEO | Cittadini a 5 Stelle: «Basta cementificare. Modifichiamo il PUG»

Ambiente / Attualità / Politica // Scritto da Serena Ferrara // 19 marzo 2016

VIDEO | Cittadini a 5 Stelle: «Basta cementificare. Modifichiamo il PUG»


Cosa contiene il PUG, il Piano Urbanistico generale “in approvazione” da un decennio ma mai licenziato? I Cittadini a 5 Stelle in MoVimento lo hanno studiato approfonditamente, prima di trarre le dovute – e amare – conclusioni: contiene la previsione di un ulteriore incremento di volumetrie per 5.500-6.000 nuovi abitanti, ulteriori a quelli che il già sbagliato PRG in vigore aveva presunto. Se nel Piano Urbanistico vigente erano stata ipotizzata una crescita – e conseguenti volumetrie – per il doppio degli abitanti oggi residenti a Bisceglie – la nuova programmazione non corregge le previsioni. «Attualmente – spiegano i Cittadini a % Stelle – abbiamo una pianificazione urbanistica che può soddisfare 110.505 abitanti, ma a Bisceglie siamo solo 55.680 abitanti (dato del 31/12/2015). E’ evidente a tutti che a Bisceglie abbiamo troppe più case e appartamenti, ville e locali di quelli che riusciamo ad occupare, di quelli che ci servono!»

Enzo Amendolagine, Pasquale Zecchillo, Pippo Acquaviva, Giuseppe Losapio e Titti Mastrapasqua si firmano, ci mettono la faccia, perché vogliono combattere personalmente la battaglia contro «il consumo di suolo e la cementificazione indiscriminata! Bisceglie e i biscegliesi – spiegano con un video – hanno bisogno di migliorare la qualità del vivere in Città con maggiori servizi pubblici aperti, manutenuti e rivitalizzati. Quindi chiediamo un Piano Urbanistico Generale conservativo degli elementi urbanistici architettonici ultimi testimoni della storia della nostra Città, chiediamo un PUG a Cemento Zero».

 

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Ambiente / Attualità / Politica // Scritto da Serena Ferrara // 19 marzo 2016