UNIONE-GIOVINAZZO 2-1. Emozionante successo degli azzurri, ora a -7 dalla capolista Gravina

Sport // Scritto da Vito Troilo // 4 gennaio 2015

UNIONE-GIOVINAZZO 2-1. Emozionante successo degli azzurri, ora a -7 dalla capolista Gravina


Unione Calcio Bisceglie-Giovinazzo 2-1

Unione Calcio Bisceglie
: Delfino, Bufi, Papagno (dal 75° Pasculli), Rizzi, Abruzzese, Moreo (dall’84° De Francesco), D’Angelo, Grammatica, De Lorenzo, Angelo Monopoli (dal 65° Malerba), Di Pinto. Allenatore: Mimmo Di Corato. A disposizione: Napoletano, Antonio Monopoli, De Chirico, Favarò.
Giovinazzo: Colagrande, Messina, Spadavecchia, Porfido, Facchini, Angelico, Uva (dall’83° F. De Palma), Vernice, Cubaj (dal 90° Losito), Petaroscia, G. De Palma (dal 97° Tenerelli). Allenatore: Germinario. A disposizione: Ronconi, Roselli, Patruno, Trillo.
Arbitro: Recchia di Brindisi. Assistenti: Nardi di Taranto, Maci di Lecce.
Reti: 20° Di Pinto, 46° Petaroscia, 92° De Lorenzo.
Note: spettatori 300. Ammoniti: Papagno, D’Angelo, Grammatica, De Lorenzo, Vernice, G. De Palma. Espulsi Malerba al 68° e Colagrande al 95°.

Fondamentale vittoria casalinga per l’Unione Calcio nel confronto diretto col Giovinazzo valido per la penultima giornata d’andata del campionato di calcio di Promozione. Gli azzurri cari al presidente Enzo Pedone hanno battuto i cugini biancoverdi al termine di una partita maschia, sul cui svolgimento ha inciso un terreno di gioco appesantito dalla pioggia.

Il tecnico dell’Unione Mimmo Di Corato ha dovuto far fronte alle indisponibilità degli infortunati Amoroso e Ciardi e degli squalificati Nicola Di Pierro e Gabriele Monopoli. Il nuovo arrivato, l’esperto centrocampista piemontese Moreo, ha debuttato dal primo minuto. Il Giovinazzo di Angelo Germinario non ha potuto schierare lo squalificato Longo e gli infortunati Costantino, Patruno, Roncone. Assente anche il biscegliese Piero Di Tullio, febbricitante.

Mattia Pasculli

Mattia Pasculli

Match condizionato dalle avverse condizioni atmosferiche. Un primo tentativo di Amedeo Di Pinto è stato respinto dal portiere ospite Colagrande ma pochi minuti più tardi il veterano attaccante si è riscattato infilando l’estremo giovinazzese con un preciso diagonale che gli è valso il 14° gol stagionale.

Il Giovinazzo, scosso dallo 0-1, ha reagito senza però produrre pericoli per la porta di Delfino. E’ stata la compagine di casa, sul finire della prima frazione di gioco, a sfiorare il raddoppio con Grammatica e De Lorenzo.

Apertura di ripresa marchiata a fuoco da Petaroscia, che nel corso del primo giro di lancette ha sorpreso un po’ tutti con una pregevole azione personale, pareggiando i conti per l’entusiasmo dei sostenitori biancoverdi al seguito. Galvanizzati, gli ospiti hanno provato a sorpassare ma il delizioso pallonetto di Cubaj si è spento sul fondo.

La gara è salita ulteriormente di tono sul profilo tecnico. De Lorenzo, al quarto d’ora del secondo tempo, ha calciato di sinistro dopo essersi girato in piena area ma la sfera è stata intercettata senza problemi da Colagrande.

Corrado Uva, sugli sviluppi di un calcio piazzato, ha colpito di testa impegnando Delfino. Ottimo spunto di Amedeo Di Pinto a metà ripresa: conclusione precisa deviata da Colagrande.

L’Unione è rimasta in dieci per l’espulsione di Gaetano Malerba, entrato da pochi minuti al posto di Angelo Monopoli: cartellino rosso diretto per l’esperto difensore. Poco dopo un’altra tegola si è abbattuta sui padroni di casa: fallo in piena area dell’under Grammatica su Cubaj e rigore per il Giovinazzo. Petaroscia, autore dell’1-1, si è presentato sul dischetto ma Delfino ha respinto il penalty, salvando il risultato.

Passato lo spavento, gli azzurri, incuranti dell’inferiorità numerica, hanno spinto alla ricerca della vittoria. De Lorenzo, servito deliziosamente da Amedeo Di Pinto, ha mostrato lucidità nell’evitare l’intervento di Colagrande realizzando in pieno recupero il 2-1 che ha mandato in visibilio il pubblico del “Francesco Di Liddo”. La vetta adesso è a 7 lunghezze.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Sport // Scritto da Vito Troilo // 4 gennaio 2015