Un importante aiuto per conoscere, vivere e affrontare la malattia di Alzheimer

Attualità // Scritto da Alessia La Notte // 5 dicembre 2015

Un importante aiuto per conoscere, vivere e affrontare la malattia di Alzheimer


L’interessante iniziativa, diluita in tre diversi appuntamenti, è cominciata con un’approfondita tavola rotonda presso la sede Epass

Nel tardo pomeriggio di venerdì 4 dicembre, si è tenuta la tavola rotonda che rientra a far parte dell’iniziativa “Conoscere, vivere, affrontare la malattia di Alzheimer”.

L’auditorium Don Pierino Arcieri (sede Epass) ha ospitato il dibattito con al centro il tema dell’Alzheimer, analizzato approfonditamente su più fronti. Un argomento su cui sarebbe doverosa un’attenzione ancora maggiore da parte dell’opinione pubblica e la partecipazione di un numero più cospicuo di partecipanti poiché è importante esserne informati, essendo una malattia di sempre più notevole portata sociale.

I numeri parlano chiaro: in Puglia sono più di 75 mila i casi di pazienti affetti dalla malattia neurodegenerativa, nella città di Bisceglie se ne contano circa 600-700.

«Negli anni, le stime sono destinate ad aumentare in modo spaventoso – ha affermato il presidente dell’associazione Alzheimer Bari, Pietro Schino, che ha ben spiegato le origini e le caratteristiche delle demenze e presentato le attività e la mission della sua associazione – Stiamo richiedendo anche la creazione di percorsi privilegiati per i pazienti, tra cui una “sala blu” in ogni pronto soccorso» ha concluso il dottor Schino.

tavola rotonda all'Epass sull'Alzheimer

Un momento del dibattito

«Le richieste ai servizi da parte dei parenti dei malati sono tantissime ed è un grande dolore dover rispondere non esserci posto. La salute, che deve essere garantita a tutti i cittadini, e i luoghi di cura non possono essere legati alla disponibilità di risorse presenti e al denaro. Sarebbe come dare un valore economico al genere umano» ha dichiarato Diego Rana.

All’incontro sono intervenuti anche Luigi De Pinto, presidente dell’Epass, monsignor Giovanni Ricchiuti, il dottor Barracchia, dirigente del reparto di riabilitazione Alzheimer della Casa Divina Provvidenza e il sindaco Francesco Spina. «È necessario cominciare a dare un valore assoluto alla salute investendo sull’ambiente e su un corretto stile alimentare» ha sostenuto quest’ultimo.

Con l’intervento di Rossana Dell’Orco, responsabile del Centro Diurno “Lasciati Raccontare”, sono state illustrate le modalità con cui poter affrontare le demenze, forniti validi e utili suggerimenti per il miglioramento della vita quotidiana dei pazienti senza che si possano sentire abbandonati.

“Conoscere, vivere, affrontare la malattia di Alzheimer” ha previsto, al termine della serata e per tutta la giornata di sabato, anche la possibilità di fare il percorso multisensoriale, accuratamente pensato e rappresentato, con la collaborazione della Compagnia Fagipamafra, per mettersi nei panni di un malato e provare le difficoltà che vive in tutti i suoi gesti quotidiani, perché «un conto è sentir parlare di malattia di Alzheimer un altro è viverla» come ha sottolineato Katia Pinto, psicologa e vicepresidente dell’associazione Alzheimer Bari.

Ha concluso l’appuntamento lo psicologo Michele Laforgia, che gestisce nella nostra città uno sportello informativo per l’Alzheimer con la psicologa Anna Maggiolino (che ha introdotto alla tavola rotonda) in via Nicola Porta 13. Lo sportello fornisce servizi gratuiti su appuntamento, telefonando al numero: 328/7544968 o scrivendo alla mail: aalba.bisceglie@libero.it.

Domenica 6 dicembre, dalle ore 10:00 alle ore 13:00, l’evento conclusivo: l’associazione Alzheimer Bari e l’associazione Parkinson Puglia scendono in piazza San Francesco con gazebo informativi.




Attualità // Scritto da Alessia La Notte // 5 dicembre 2015