Ufficio IAT: «Ecco come vengono spesi i soldi del comune»

Attualità / Economia // Scritto da Serena Ferrara // 31 maggio 2014

Ufficio IAT: «Ecco come vengono spesi i soldi del comune»


L'Ufficio IAT Bisceglie, in via Tupputi

L’Ufficio IAT Bisceglie, in via Tupputi

All’indomani della pubblicazione, sull’albo pretorio del comune di Bisceglie, della delibera di giunta con cui si destinano 9.000 euro all’Ufficio IAT Bisceglie, più di un velo di polemica si era sollevato circa l’utilizzazione dei fondi pubblici per le attività di promozione turistica.

Abbiamo incontrato gli addetti ai lavori, per chiarire la questione.

Le premesse in narrativa sono due: la prima è che i fondi, relativi ad aprile-settembre 2014, in realtà coprono anche il servizio prestato nel trimestre gennaio-marzo (in cui l’ufficio ha continuato a prestare servizi a convenzione scaduta); la seconda è che il comune ha già espresso la volontà di indire una gara per l’affidamento dello sportello di informazione e accoglienza turistica e che, in attesa dell’espletamento del bando, la gestione è andata in proroga alla società Obiettivo Turismo.

Quanto alla gestione dei fondi, il calcolo è matematico: 9.000 euro, pari a 1.500 euro al mese, coprono l’importo di quattro stipendi di altrettanti professionisti (guide turistiche abilitate, in grado di parlare più lingue straniere), oltre alle utenze. «Così facendo – spiegano i responsabili della ripartizione amministrativa del comune di Bisceglie – facciamo economia e garantiamo il servizio in orari che ad un impiegato pubblico risulterebbero impossibili da rispettare. Il servizio va garantito anche nei giorni festivi e tutte le volte si preveda un intenso flusso di turisti, indipendentemente dall’orario».

Marcella Sasso, titolare di Obiettivo Turismo sas

Marcella Sasso, titolare di Obiettivo Turismo sas

I nuovi fondi ricevuti dal comune permetteranno però alla Obiettivo Turismo di fare di più. E’ previsto a breve un incontro tra tutti gli operatori turistici, i responsabili dello IAT, il sindaco e il consigliere comunale delegato al turismo Rachele Barra, per creare una rete di collaborazioni fattive tra pubblico e privato e tra privati gestori di attività del settore.

Si amplierà a breve anche l’offerta di escursioni guidate a gestione diretta dello IAT.

Grazie alla collaborazione con nuovi tour operator, sarà possibile effettuare escursioni di un giorno fuori porta, con partenza e rientro a Bisceglie, a Matera, Polignano a Mare, Monopoli, Lecce, Martina Franca, Ostuni.

Obiettivo, incrementare la cosiddetta “permanenza media” del turista a Bisceglie, offrendo servizi in grado di prevenire i desideri d’avventura di italiani e stranieri che scelgono il nostro litorale perché trovano il giusto compromesso tra economia, facilità di spostamento, servizi essenziali e vivibilità.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità / Economia // Scritto da Serena Ferrara // 31 maggio 2014