U Cafè “Orchidèe”, omaggio poetico di Nicola Ambrosino

Il Graffio del Gattino // Scritto da Nicola Ambrosino // 31 maggio 2014

U Cafè “Orchidèe”, omaggio poetico di Nicola Ambrosino


Il nostro poeta e satirico Nicola Ambrosino omaggia in versi la riapertura della storica Caffetteria Orchidea di Piazza Vittorio Emanuele, della famiglia Capurso dal 1971. Il racconto poetico fa rivivere il passato di uno dei luoghi simbolo della nostra città, le tradizioni ad esso legato, in attesa di vedere le giovani leve all’opera per portare ancora in alto il nome del bar tra i più famosi di Bisceglie. [Grazia Pia Attolini]

U Cafè “Orchidèe” (Il Caffè “Orchidea”)

di Nicola Ambrosino 

La locandina della riapertura del Caffé Orchidea, in Piazza Vittorio Emanuele

La locandina della riapertura del Caffé Orchidea, in Piazza Vittorio Emanuele

Ce na’ sére de l’Estòte…
te vù fò ‘na defresckòte,
fìusce e tròse, chèsse è l’idèe…
ò Cafè dell’…”Orchidée!”.

Stè accaldòte? Péirde fiòte?
dò t’accatte ‘ne gelòte…
e inde a nnéinde u canarouzze
déce: “Grazzie!”, tutte souzze!

Ce stè in ansie o depressióne
stà ‘na cause assà chiù bbóne,
ne sospére sia assaprò…
e abbevisce…in veritò!

Ce alla “Féste de le Sènde”,
de terrése stè a chendènde,
te conziglie d’accattò…
cremolòte in quanditò.

Ce ìnde o véirne fridde fòce,
vò da n’inde e datte pòce,
pasteccéne e carteddòte,
…sò tesóre prelibbòte.

Ce pó alte vù pegghiò
chisse nìume dò sia fò:
in dialétte…o in “tagliano”…
céirche… Claudio oppur Luciano!

Pe le dritte e pe le ‘ndurse…
e u Cafè de stì…Capurse…
che chendinue in veritò…
che “Ze’ Marie” o che “Tatò”!

Da maténe a tarde orarie…
“oucchie o véinde!” uè ‘mbà Marie…
Tù che mó sì o Paravése…
dalle a lóre ne sorrése…

U Cafè, ògne maténe,
dòte a figghie e chenzeprène…
u sì passòte cóme a ne fióre…
“Orchidée”…è uguòle…Amóre!

Glossario per una più agevole lettura:

defresckòte = rinfrescata, fìusce = corri, canarouzze = gola, abbevisce = resusciti, ‘ndurse = duri di comprendonio, Tatò = padre, Chenzepréne = cugino




Il Graffio del Gattino // Scritto da Nicola Ambrosino // 31 maggio 2014