TRIONFO PER L’ORCHESTRA SINFONICA BULGARA, IL MAESTRO QUADRINI E IL SOPRANO CINESE MARY LIU

Cultura // Scritto da Vito Troilo // 3 gennaio 2014

TRIONFO PER L’ORCHESTRA SINFONICA BULGARA, IL MAESTRO QUADRINI E IL SOPRANO CINESE MARY LIU


Il maestro Leonardo Quadrini

Il maestro Leonardo Quadrini

Applausi a scena aperta per l’ormai tradizionale concerto di Capodanno, che si è tenuto al teatro “Garibaldi” giovedì 2 gennaio.
Il maestro Leonardo Quadrini ha magistralmente diretto l’Orchestra Sinfonica Bulgara (57 elementi) in un viaggio nel meglio della musica lirica e sinfonica, con la straordinaria partecipazione del soprano cinese Mary Liu, direttamente dall’Accademia Musicale di Toronto in Canada.

Aperto da “La forza del destino” di Giuseppe Verdi, il concerto è proseguito con un’aria dell’Aida (“Ritorna vincitor”) e “O mio babbino caro” dal Gianni Schicchi di Giacomo Puccini, eseguite da Mary Liu. Il celeberrimo “Va Pensiero” dal Nabucco ha dato introdotto brani ancora più struggenti come “Madama Butterfly” e” Vissi d’arte” dalla Tosca di Giacomo Puccini.

Il soprano Mary Liu

Il soprano Mary Liu

Il programma ha svoltato verso la polka, con “Tritsch-Tratsch” e “Sotto tuoni e lampi” di Johann Strauss junior. Chiusura in stile Wiener Philharmoniker con “An der schönen blauen Donau”, ovvero “Sul bel Danubio blu” e la Marcia di Radetzky, nel tripudio del pubblico entusiasta.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Cultura // Scritto da Vito Troilo // 3 gennaio 2014