Tre giorni di Festa in piazza per capire se e quanto è cresciuto il Partito Democratico di Bisceglie

Politica // Scritto da Vito Troilo // 18 settembre 2014

Tre giorni di Festa in piazza per capire se e quanto è cresciuto il Partito Democratico di Bisceglie


La “Festa democratica dell’unità”, organizzata dal Partito Democratico su scala provinciale, farà tappa anche a Bisceglie. Per tre giorni, da venerdì 19 a domenica 21 settembre, piazza Vittorio Emanuele sarà palcoscenico di diversi e probabilmente lunghi dibattiti politici.

Prima giornata dedicata al confronto sul tema “I diritti al tempo della crisi”, in programma alle ore 19:00 con gli interventi di Mercedes Lanzilotta, Marina Terragni, Magda Terrevoli e Lia Caldarola, introdotte da Carmela Antonino e moderate da Nicola Mallardi. Al termine, intorno alle ore 21:30, esibizioni musicali per il contest “Note democratiche”, presentate dal nostro Bartolo Pasquale.

Sabato pomeriggio, alle ore 17:30, saggio della New Dance Academy, seguito alle ore 19:00 dalla conversazione su “Aziende e lavoro al sud” con il presidente del Centro studi diritti ai lavoratori e ordinario di diritto del lavoro all’Università di Bari Gaetano Veneto, il presidente della Commissione bilancio della Camera dei deputati Francesco Boccia e il segretario regionale della Cgil Gianni Forte, moderati da Gianni Naglieri. Alle 21:30 il secondo appuntamento di “Note democratiche”.

Molto intensa la giornata di domenica: in mattinata, dalle ore 9:00 in poi, spazio alle evoluzioni della Polisportiva “Gaetano Cavallaro” e della Ginnastica ritmica Iris. A seguire, dalle ore 11:30 fino alle ore 13:00, un dibattito sul tema “Lo sport al sud è ancora palestra di vita?” cui hanno assicurato la loro presenza il presidente del Bari Gianluca Paparesta, mister Aldo Papagni, il direttore generale dell’Unione Calcio Leonardo Pedone, il presidente provinciale Uisp Agostino Cafagna e la presidente dell’Asd Hermes 64 Bisceglie (evidentemente una nuova società sportiva della quale si sa poco) Marianna Roglieri, apprezzata giocatrice della nazionale di basket in carrozzina.

La maratona oratoria proseguirà nel pomeriggio, alle ore 17:30, con il confronto che ha per titolo “Bisceglie: prospettive della politica locale”, cui prenderanno parte quattro consiglieri comunali di opposizione (Angelantonio Angarano, Luigi Di Tullio, Tonia Spina e Gianni Casella) e un solo rappresentante della maggioranza, Vincenzo Valente. A seguire l’interessante dialogo su “Divina Provvidenza, tra responsabilità passate e prospettive future”, riferito non alla Divina Provvidenza nel senso biblico ma alla CDP. Interverranno i consiglieri regionali Filippo Caracciolo e Ruggiero Mennea, che contrariamente a quanto potrebbe sembrare sono dello stesso partito, il consigliere comunale Angelantonio Angarano e non meglio precisate rappresentanze sindacali, tutti moderati dal segretario cittadino Roberta Rigante (alla quale è giusto riconoscere l’impegno nell’organizzazione della tre giorni). Assente illustre un altro storico esponente del Partito Democratico, quel Bartolo Cozzoli che ora è l’amministratore della Casa della Divina Provvidenza.

Degna conclusione della kermesse lo spettacolo cabarettistico di Tommy Terrafino. Al termine della serata di domenica, condotta da Bartolo Pasquale, saranno premiati i vincitori del concorso/mostra d’arte “Colori ed emozioni” (i lavori saranno esposti in piazza Vittorio Emanuele, 78, presso la sede del Partito Democratico) e della gara musicale “Note democratiche”.

In definitiva, una parata di personaggi più o meno conosciuti della politica di questo territorio ai quali sarebbero tante le domande da porre, prima fra tutte, specialmente riferita agli esponenti cittadini del Partito Democratico: «Dove siete stati nel tempo trascorso tra le amministrative di maggio-giugno 2013 e oggi?».

Il programma, come nelle intenzioni degli organizzatori, è ricco di argomenti ma rischia di trasformarsi in un’autocelebrazione cui i biscegliesi potrebbero decidere di fare tranquillamente a meno, vista la quasi totale assenza di contraddittorio su alcuni temi come lo sport e la Cdp. Tre giorni utili a comprendere se e quanto il Partito Democratico in questa città sarà cresciuto e avrà voglia di uscire dal guscio di una nicchia ristretta.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Politica // Scritto da Vito Troilo // 18 settembre 2014