Tra venti giorni il nuovo gestore igiene urbana: da Assago il Consorzio Ambiente 2.0

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 31 dicembre 2016

Tra venti giorni il nuovo gestore igiene urbana: da Assago il Consorzio Ambiente 2.0

Secondo in graduatoria il consorzio potrebbe insediarsi dopo le feste

Dopo l’interruzione improvvisa dei rapporti contrattuali tra Comune di Bisceglie e CamassAmbiente conseguente al procedimento interdittivo antimafia del Prefetto di Bari Carmela Pagano il Comune di Bisceglie dovrà firmare un nuovo contratto con un nuovo gestore.
Obiettivo – chiarito nel corso del consiglio comunale del 30 dicembre dal sindaco Francesco Spina – quello di portare a termine il porta a porta in tutta la città nel più breve tempo possibile, per evitare che Bisceglie venga sommersa dai rifiuti.
Nella gara ad evidenza pubblica espletata tra 2015 e 2016 e conclusasi con l’omologazione della vittoria della Camassa a giugno 2016, si classificò secondo il Consorzio Ambiente 2.0 di Assago, che ottenne 77 punti di cui 18 (il massimo) per un ribasso dell’importo a base d’asta che, al contrario della più oculata Camassa, risultò del valore massimo tra quelli ammissibili.

A fronte di uno “sconto” così importante (7% su un appalto di 47.77.687 milioni di euro), l’offerta tecnica non risultò alla commissione altrettanto convincente. Tra le proposte migliorative offerte dalla Camassa: quasi il doppio dei turni di raccolta verde, raccolta rifiuti ospedalieri quotidiana, la previsione di punti di raccolta scarti ittici,  l’incremento dell’estensione “area centro storico” a tutto il territorio comunale.
Per di più, il Consorzio risultava tra i “segnalati” dall’ANAC (deliberazione n. 215 del 2/03/2016), in quanto costituito in ATI con altra ditta (oltre alla Pianeta Ambiente, anche la Aimei Ambiente srl) macchiatasi di svariati inadempimenti contrattuali, risoluzioni varie tra 2012 e 2014, guai con comuni sparsi per l’Italia.
Chiudendo un occhio, come la legge prevede lasciando discrezionalità di scelta alla stazione appaltante in caso di ATI sospette, l’Ambiente 2.0 fu ammessa alla gara. Le riserve furono sciolte dal Comune di Bisceglie con fiducia, anche perché, entrando nel merito della proposta, la ditta non avrebbe comunque retto il confronto rispetto all’offerta.

Ora, che dovrebbe subentrare di diritto alla CamassAmbiente, l’Ambiente 2.0 dovrebbe però attenersi alle tabelle di marcia del primo appaltatore, rimodulando la sua offerta (riportata in basso in tabella) in base alle esigenze del Comune.

L’operazione potrebbe non essere così scontata come sembra, data la mole di aspetti diversi da far quadrare e l’azzeramento delle tempistiche di sturt up concesse al subentrante.confronto-camassa-ambiente-2
senza-titolo-2

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 31 dicembre 2016