Statt a Cast…ing che è mégghie!

Il Graffio del Gattino / Rubriche // Scritto da Nicola Ambrosino // 14 giugno 2014

Statt a Cast…ing che è mégghie!


Casting

Casting

Nicola Ambrosino non finisce di sorprendere e interviene a modo suo per smorzare i toni della polemica riguardo l’ormai imminente inizio delle riprese del film “La scelta” nella nostra città.


Mai come in questo caso, buona lettura e buon divertimento [Vito Troilo]

Statte a Cast..ing che è mégghie!
ovvero il provino cinematografico
La voglia di apparire, il desiderio di entrare nel dorato mondo dello spettacolo, spinge tanta gente, senza arte e ne parte, a tentare la strada del “Saranno famosi”, con incredibili effetti comici.

Pu film che a Vescègghie s’òve aggerò
cè préisce che se sénde inde alla Cettò;
e giò ònne scìute, na dé, a maténe…
crestiéine, inde a nù alberghe, a fò u provéne.

Menènne, spendenèzze e uagnengéidde,
nonònne,stangachiazze e recchiengéidde,
s’appresendoréne, tutte ‘mbellèttòte…
a fò la próve…bbèlle ed aggegghiòte!

La signorina della produzione…
lesta, dette il via alla selezione,
dicendo: “Venga avanti il prenotato,
mi dica: cosa ha fatto e quando è nato””.

U préme fu “Ciccille u ‘ngappa cane”…
ne sórte de chemóne…de crestiane,
che disse: “Ié sò néite…quann’à sgravòte,
la sóre de Zinétte…la spustòte!”.

“Sò fatte u bregamourte, fadegòve próprie tènde,
levòve le deinde a le mourte…o capesénde!”.
La signorina, che stava li a sentire…
sbiancato ebbe il volto…e fu li a svenire!

Poi disse, dopo essersi ripresa:…
“…Non è tipo per la macchina da presa!”;
“Avanti!” – disse, “Su sentiamo un altro!”…
Si fece avanti un bel soggetto scaltro.

S’appresendò “Seriudde u fescetizze”…
che disse: “Fadegòve facénne rizze…
e pó siccóme ère assà provéidde…
vennà la deméneche… dattére e canestréidde!”.

“Il prossimo…”, la segretaria, disse di botto…
col dito per chiamar…il centodiciotto,
“Non è possibile, qui mi sento male…
Se l’andazzo è questo…vado in ospedale!”.

La prima donna che entrò dentro la stanza,
aveva un bel aspetto e gran baldanza,
con tacco altezza dodici e vene varicose,
caviglie come tronchi, tibie ben pelose.

“Buon giòrne!” – disse – “Salutéime a tutte…
Chire che stònne bboune, chire che stònne brutte;
a ghèmme apèrte de frònde s’assedé…
e disse: “M’appresénde a segneré?”.

“Mi chiame Filomena Di Culomendo…
due maschi granni tengo e la patendo…
voglio fare il film, con quel che ha fatto il “Polpo”…
La signorina svenne…lì sul colpo!

S’appresendò “Coludde u professóre…
che disse: “Ié sò mégghie de nu attóre,
facitéme veloce ògne domènde…
chè ve respònghe subbéte, all’istènde!

La signorina, riprendendosi dal colpo,
disse: “Abbiamo, finalmente, un uomo colto!
“Ci dica, per esempio, qui parlando a braccio…
come trova lei…sà…qui il Boccaccio?”.

“E’ facéle stà domènde…e ce ‘ngé vóle…
u tróve addò stònne le premedóle;
inde alla checéne, saupe alla credénze…
…la segnoréne…pèrse la paciénze!

Quel giorno quella “Scelta” non fu fatta…
la segretaria, diventata matta…
facé zembò, du film, la produzióne…
scappènne, la mettiréne inde a “Terróne”!




Il Graffio del Gattino / Rubriche // Scritto da Nicola Ambrosino // 14 giugno 2014
  • Gentile “critico letterario”, accolgo con piacere il suo suggerimento, che denota competenza in materia, ma un po’ meno, la mancanza di una firma, sotto il suo consiglio. Non si finisce mai d’imparare e ringraziandola per l’attenzione rivolta alla lettura della mia “satira”, cercherò di metterci più impegno.

  • Impegno_perfavore!

    Posso suggerire all’autore della poesia, che ci mette tanto impegno, di mettersi a studiare seriamente un po’ di metrica? Perché non si è poeti semplicemente trovando le rime, la poesia ha un respiro, un ritmo che deve essere scandito e rispettato, altrimenti l’armonia stessa si perde. Ha provato a leggere ad alta voce ciò che scrive? Capirà cosa intendo: in certi punti si deve “accellerare”, in altri “rallentare”, in altri ancora sembra di leggere della prosa; questo perché non c’è alcuna prosodia a monte. Il talento, quando c’è, non è niente senza lo studio.