Stato di calamità naturale, il consiglio regionale approva all’unanimità

Politica // Scritto da Serena Ferrara // 22 luglio 2016

Stato di calamità naturale, il consiglio regionale approva all’unanimità


La mozione presentata da Ruggero Mennea, Michele Mazzarano, Marco Lacarra, Raffaele Piemontese e Paolo Campo del Pd, relativa alla richiesta stato di emergenza e di calamità naturale per i comuni di  Ruvo di Puglia, Corato, Molfetta, Terlizzi, Bisceglie, Barletta e Rodi Garganico è stata accolta all’unanimità del consiglio regionale. 

A seguito dei violenti nubifragi che hanno colpito la puglia  giovedì 14, venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 luglio, il territorio è ancora fortemente compromesso. Si registrano danni alle attività produttive, alle produzioni di uva da tavola e ciliegie, alle imprese di lavorazione e commercializzazione, per i quali  la Giunta regionale si impegna ora «affinché si valuti con urgenza la possibilità di chiedere lo stato di emergenza e di calamità naturale al Governo, per permettere di dare attivazione dei poteri straordinari e delle correlate risorse finanziarie per ripristinare le infrastrutture danneggiate e sostenere il tessuto produttivo e imprenditoriale locale per i danni subìti e il ritorno tempestivo alla piena operatività».

Mennea, primo firmatario della mozione e anche presidente del comitato permanente di Protezione civile regionale, rispondendo ai rilievi mossi da alcuni esponenti di opposizione, ha spiegato che ora «la celerità dei provvedimenti dipende innanzitutto dai Comuni che devono attivare i Coc, i Centri operativi comunali», e che «quando queste procedure non vengono attivate è difficile andare avanti con la dichiarazione di stato di calamità e dimostrare l’entità dei danni».

Per questo l’esponente del Pd ha ribadito l’importanza del progetto Smart Protezione Civile Puglia, «che intende gestire il settore partendo dall’analisi del territorio per sapere su quali rischi intervenire preventivamente. Da ora – ha concluso -, il motore della Protezione civile pugliese dovrà essere la prevenzione».

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Politica // Scritto da Serena Ferrara // 22 luglio 2016