SPINA RISPONDE A CASELLA: I MIEI CONSIGLIERI PORTANO 8311 VOTI

Politica // Scritto da Grazia Pia Attolini // 2 maggio 2013

SPINA RISPONDE A CASELLA: I MIEI CONSIGLIERI PORTANO 8311 VOTI


immago evidenza spina8.311 voti. Tanti i voti dei candidati consiglieri che il candidato sindaco Spina conta in suffragio alla sua ricandidatura. In risposta ai 5773 che Gianni Casella aveva ipotizzato provenire da tutta la coalizione, il candidato sindaco di centro fa sapere di “aver già superato gli avversari, non solo per il numero delle liste che lo sostengono  (12 liste – 284 candidati) e nei sondaggi ufficiali consultabili sul sito www.sondaggipoliticoelettorali.it” ma anche nei voti. Questo, spiega il canidato, perché “ben 73 candidati dei 284 che  sostengono quest’anno mi sostengono sono stati già candidati  al consiglio comunale nel 2011.  Sommando i voti individuali ottenuti in quella elezione dai quei candidati si ottiene la somma di 8311 voti a cui dovranno aggiungersi quelli degli altri 211 nuovi candidati in  questa elezioni   nelle liste di Spina. Si tratta di un dato numerico assolutamente interessante e indicativo della forza della coalizione  anche alla luce dei dati che emergono applicando lo stesso criterio ai candidati al consiglio comunale delle altre coalizioni che si ripresentano dopo la loro esperienza nel 2011″.

“Questo dato di 8311 voti riferito solo a 73 su 284 candidati, unito alla considerazione di un possibile notevole voto disgiunto che si percepisce nell’opinione pubblica,  lascia ben sperare sulla possibilità che si realizzi quella vittoria al primo turno che eviterebbe ai biscegliesi lo stress e il danno economico di circa 230 mila euro di un turno di ballottaggio”.

Grazia Pia Attolini

Chi è Grazia Pia Attolini

Giornalista pubblicista, laureata in Lettere moderne, sta completando gli studi universitari in Filologia Moderna. Attualmente è in Servizio Civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Protezione Civile e si occupa di comunicazione, social media, stampa, diffusione della conoscenza. Redattrice di Bisceglie in Diretta dal 2010, ha ricoperto anche la carica di segretario di redazione. Ha collaborato con Radio Centro e si occupa della presentazione di eventi e incontri culturali. Responsabile della comunicazione dell'associazione Giovanni Paolo II, intervista personalità di spicco del Vaticano, del mondo dello spettacolo e della società civile. Attiva nel sociale e nel volontariato, è anche capo scout.




Politica // Scritto da Grazia Pia Attolini // 2 maggio 2013
  • mariagrazia

    certo che essere convinti di prendere gli stessi voti dalle stesse persone è deprimente perché ci fa capire che i votanti pecoroni non votano l’operato di una amministrazione ma l’amico Spina. Alla faccia delle convinzioni e valutazioni singole.

  • Anonimo

    Traduzione: siccome quei voti sono sicuri (e perché dovrebbero esserlo ???) le espressioni di voto saranno le medesime… In una democrazia questa certezza e’ inquietante.

    Riflessione: se tutto fosse basato su un sommatoria, come avrebbe fatto grillo a raggiungere il 30% nelle scorse politiche ed il PDL a perdere il 10% rispetto alle precedenti? Forse i voti nelle consultazioni locali sono più tracciabili? Inquietante, come detto.