SCIOPERO DEGLI EDICOLANTI, UN SUCCESSO

Attualità // Scritto da Vito Troilo // 27 febbraio 2013

Sciopero edicolanti

Sciopero edicolanti

Tre giorni di sciopero bianco, consistente nel rifiuto di mettere in vendita i quotidiani, per mettere un punto fermo: la provvigione degli edicolanti non può scendere, anzi dovrà salire e adeguarsi a livelli più dignitosi nel più breve tempo possibile, altrimenti le azioni di protesta dei rivenditori potrebbero essere molto più dure e prolungate nel tempo.

Gli editori, pesantemente danneggiati dalle mancate vendite di domenica, lunedì e martedì, sono rimasti spiazzati dalla forte partecipazione dei giornalai.

Merito soprattutto della più rappresentata sigla sindacale nazionale, lo Snag, il cui presidente per le province Bari e Bat, Antonio Losapio, è soddisfatto per le adesioni e la compattezza mostrata dai rivenditori: “Tutti gli associati Snag e quasi tutte le edicole di Bisceglie hanno aderito alla protesta e analogo è stato il dato di piazze come Corato, Andria, Foggia, come di tutte le roccaforti storiche del nostro sindacato.

Lavorare ancora con il 19% di utile lordo su quotidiani e periodici è praticamente impossibile. Continueremo a chiedere maggiore rispetto e maggiori tutele per il nostro impegno e le nostre professionalità”.

Gestire un’edicola non è facile come potrebbe sembrare: è un’attività che richiede capacità di rapporto con un pubblico eterogeneo per età, estrazione sociale, livello culturale, peculiarità di ogni tipo. Si lavora per 360 giorni l’anno, tutte le domeniche, anche in alcuni giorni festivi, da mattina a sera. I prodotti altovendenti sono male distribuiti e spesso disponibili in pochissime copie ed è necessario saper conciliare le esigenze di fatturato con la conservazione dei clienti abituali.

Niente sarà più come prima. Gli edicolanti hanno finalmente compreso, anche al sud, di essere commercianti e di poter allargare il loro business a differenti tipologie di prodotto, che riconoscono percentuali di guadagno molto più alte e sviluppano fatturati importanti. Tocca agli editori della carta stampata rendersi conto che indietro non si può tornare.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Attualità // Scritto da Vito Troilo // 27 febbraio 2013