Scandalo Cdp, Vendola «Sapevamo tutto, per questo chiedemmo l’amministrazione straordinaria»

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 11 giugno 2015

Scandalo Cdp, Vendola «Sapevamo tutto, per questo chiedemmo l’amministrazione straordinaria»


LEGGI ANCHE
Scandalo Cdp, richiesta d’arresto per Antonio Azzollini
Tra i 10 arrestati per lo scandalo Cdp anche due biscegliesi: Angelo Belsito e Rocco Di Terlizzi
“Oro pro nobis”: terremoto sulla Cdp, 10 arresti

Il graffio del gattino/ Scandalo CDP, Ròbbe da pazze
Scandalo Cdp, la priorità è salvare i lavoratori veri
Scandalo Cdp, Michele Rizzi: «Il Vaticano risarcisca lo Stato»

Il presidente uscente della Regione Puglia Nichi Vendola, interviene sullo scandalo Cdp, illustrando le ragioni per cui la Regione Puglia aveva scelto di non scendere a patti con l’Ente e non esaudire le richieste di adeguamento delle rette e aggiornamento delle tariffe, per cui più volte ci sono stati sollevamenti, da parte di dipendenti e organi amministrativi.

«Da tempo noi avevamo segnalato l’assoluta anomalia nella gestione della Case di cura Divina Provvidenza a Bisceglie – spiega Vendola – tanto da sottoporre all’ente il suggerimento, poi accolto, di richiedere l’amministrazione straordinaria per le grandi imprese. Oggi purtroppo siamo ad un punto di non ritorno».

«Questa situazione – ha continuato Vendola – è un gravissimo danno per quegli ammalati particolarmente fragili che proprio nel Don Uva avevano trovato una possibilità di ricovero e di assistenza. Nel corso degli anni più volte avevano provato ad addossare le responsabilità alla Regione e a strumentalizzare proprio le ansie dei lavoratori, conoscendo bene la nostra sensibilità e attenzione nei confronti dell’occupazione e del lavoro. Purtroppo, per noi non era possibile nessun intervento diretto se non ci fosse stato, prima di tutto, un punto di svolta e di trasparenza su una gestione che appariva decisamente anomala delle Case di cura Divina provvidenza».

«L’operazione della Guardia di Finanza di ieri mattina – e la raffica di arresti persino nel ceto ecclesiastico, oltre che in quello politico, è lo specchio del malcostume che si era pericolosamente insinuato sotto l’egida di una missione assistenziale, umanistica e solidaristica distorcendone i principi fondativi».

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 11 giugno 2015