SANTOS CLUB-VIRTUS RUTIGLIANO 1-6 | Troppe assenze per l’Under 21 gialloblu, al suo primo ko interno

Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 8 dicembre 2015

SANTOS CLUB-VIRTUS RUTIGLIANO 1-6 | Troppe assenze per l’Under 21 gialloblu, al suo primo ko interno


"Terzo tempo", ogni martedì e giovedì sul canale youtube Bisceglie in diretta

“Terzo tempo”, ogni martedì e giovedì sul canale youtube Bisceglie in diretta

Biscegliesi falcidiati dalle squalifiche, ospiti trascinati dallo spagnolo Fernandez, autore di 5 reti. Domenica il riposo

Santos Club-Virtus Rutigliano 1-6

Santos Club: Ricchiuti, Cassanelli, Brescia, G. Preziosa, Amato, Valente, Dell’Olio, Porcelli, Goffredo, F. Preziosa, Di Fazio. Allenatore: Mauro Tritto.
Virtus Rutigliano: Catalano, Solenne, Orlando, Soldano, Ciavarella, Deleonardis, Ardito, Accalai, Ranieri, Calefati, Berlingerio, Ruiz Fernandez. Allenatore: Vito Stefano Dell’Edera.
Arbitro: Chiariello di Barletta. Cronometrista: Musci di Molfetta.
Reti: 3’26” Ranieri, 14’10”, 20’16”, 26’38” e 27’47” Fernandez, 30’32” Dell’Olio, 32’55” tiro libero Fernandez.
Note: ammoniti Amato, G. Preziosa, Ranieri, Goffredo. Al 28’50” e 32’07” Fernandez ha sbagliato due tiri liberi.

Primo scivolone interno per la compagine Santos Club Under 21 che, nel match valevole per la decima giornata del campionato Nazionale di categoria girone S, viene sconfitto dalla Virtus Rutigliano con il risultato di 1-6.

Un Santos Club irriconoscibile, lontano parente di quello apprezzato finora, condizionato però dalle assenze di alcune pedine fondamentali negli equilibri tattici di mister Tritto. Il trainer biscegliese, infatti, deve ovviare alle squalifiche del centrale Ivan Uva e del laterale Giulio Mugeo, entrambi titolari inamovibili del quintetto gialloblu, oltre a quella di Mounir Hadji, tutti fermati per un turno dal Giudice Sportivo.

Nell’avvio di gara i biscegliesi provano a creare alcune manovre offensive, ma non riescono a creare grossi grattacapi alla porta ospite. Anzi, al quarto d’ora i gialloblu sono già sul doppio svantaggio, legittimato dalle reti messe a segno da Luca Ranieri e Ivan Ruiz Fernandez. Le troppe assenze limitano le rotazioni di un gruppo già corto numericamente e mister Mauro Tritto è costretto così ad inserire alcuni giocatori aggregatisi da poco col gruppo, tra cui il neo arrivato Mirko Valente.
I cambiamenti, però, non producono gli effetti sperati e rischiano di capitolare due volte tra il 14’22” e il 19’10” con le traverse colpite da Accalai e Fernandez. La prima frazione, dunque, termina con il risultato di 0-2.

Nella ripresa il Santos Club solito avvicendamento tra i pali con Di Fazio, che subentra a Ricchiuti, che insieme a Davide Cassanelli, capitan Gianluca Preziosa, Davide Amato e Mirko Valente completano il quintetto iniziale. Passano appena 16” e la Virtus colpisce ancora: l’estremo nojano Catalano batte un lungo calcio di punizione che coglie impreparata la difesa gialloblu e viene raccolto da Fernandez, che infila un preciso diagonale alle spalle dell’incolpevole Di Fazio.

Al 23’41” lancio di un compagno all’indirizzo di Gianluca Preziosa che, con la sua pressione, costringe all’uscita alta l’estremo ospite: la sfera viene raccolta da Amato che di prima intenzione non inquadra però lo specchio di porta. Non passano neanche il 180” che il Rutigliano firma la rete dello 0-4, con una grande giocata del talento spagnolo Fernandez, fiore all’occhiello della prima squadra, al comando del girone F del Campionato Nazionale di Serie B.

Così il Santos Club si gioca il tutto per tutto con l’estremo Di Fazio nel ruolo di quinto uomo di movimento, ma a trovare la rete sono ancora gli ospiti, ancora a segno con lo scatenato Fernandez. Piove sul bagnato in casa Santos Club: il sesto fallo di squadra, porta gli ospiti al tiro libero, ma Fernandez spreca calciando alto. Al 29’23” Brescia prova a dare la scossa a i suoi, ma la sua conclusione dalla banda destra termina fuori di un soffio. Un minuto dopo i biscegliesi accorciano le distanze con Gigi Dell’Olio, abile nel depositare in rete dopo un contrasto vinto in area da Leandro Brescia. Nei minuti successivi il Santos Club ci prova con Goffredo e Cassanelli, ma sul tentativo di quest’ultimo, scaturito da schema da corner, l’estremo ospite risponde presente.

Al 32’07” nuova chance dal dischetto del tiro libero per Fernandez, ma il suo tentativo si spedisce nuovamente alto sopra la traversa. Lo spagnolo classe ’95 però si rifarà 48” dopo, completando il proprio pokerissimo personale. Negli ultimi 5′ di gara il Santos prova a ridurre il pesante passivo con i vari tentativi di Cassanelli e Dell’Olio, ma l’estremo Catalano risponde con alcuni interventi decisivi. Negli ultimi 120” di gara ci prova anche il portiere Di Fazio, ma prima il suo collega, poi la traversa gli negano la gioia del suo secondo gol in campionato.

Con questo risultato il Santos Club rimane al 3° posto, a quota 17 punti in compagnia del Futsal Bisceglie, vedendo aumentare però il divario dal 2° posto occupato dal Futsal Barletta, adesso a +7 dopo la vittoria di misura a Giovinazzo.
Divario che potrà aumentare nel prossimo weekend, visto che la giovane formazione gialloblu usufruirà del turno di riposo. Una pausa che arriva al momento giusto per ricaricare le energie in vista della sfida interna proprio col Giovinazzo, in programma domenica 20 dicembre, che darà il via al girone di ritorno.

Decima giornata (ritorno 28 febbraio)
Cristian Barletta-San Rocco Ruvo (post. al 3 gennaio)
Giovinazzo-Futsal Barletta 3-4
Futsal Canosa-Manfredonia 4-2
Salinis-Futsal Capurso 5-4
Santos Club-Virtus Rutigliano 1-6
Riposa: Futsal Bisceglie
Classifica
Salinis 27, Futsal Barletta 24, Futsal Bisceglie 17, Santos Club* 17; Manfredonia 14, Virtus Rutigliano 12, San Rocco Ruvo** 10, Futsal Canosa 7, Cristian Barletta** 6, Giovinazzo 5, Futsal Capurso 3.
*Non ha riposato
**Una partita in meno
Nicola Colangelo

Chi è Nicola Colangelo

Redattore sportivo, ha iniziato la sua collaborazione con Bisceglie in diretta a partire da ottobre 2012. Attualmente è impegnato negli studi universitari con il corso di laurea in Scienze della comunicazione.




Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 8 dicembre 2015