SANTOS CLUB-DIAZ 5-6 | Derby al cardiopalma: la spunta la Diaz, in rimonta, con un successo che vale il primato

Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 1 novembre 2015

SANTOS CLUB-DIAZ 5-6 | Derby al cardiopalma: la spunta la Diaz, in rimonta, con un successo che vale il primato


Beffato il Santos Club di mister Tritto, in vantaggio 3-0 dopo 7 minuti, autore di una prova maiuscola

Santos Club-Diaz 5-6

Santos Club: Di Pilato, F. Uva, La Notte, Pastore, D’Elia, G. Di Benedetto, De Gennaro, S. Di Benedetto, D’Addato, I. Uva, Gallo, Di Fazio. Allenatore: Francesco Tritto.
Diaz:
Povia, Tortora, Pedone, De Cillis, Valente, Palermo, Garofoli, Cassanelli, G. Di Pinto, Preziosa, Dell’Orco, Ciannella. Allenatore: Maurizio Di Pinto.
Arbitri:
Balacco (Molfetta), Schiavulli (Foggia)
Reti:
4° Pastore, 6° La Notte, 7° Pastore, 13° Palermo, 29° Tortora, 35° e 39° De Cillis, 42° D’Elia, 43° F. Uva, 50° Preziosa, 51° De Cillis (tiro libero).
Ammoniti:
Cassanelli, G. Di Pinto, Preziosa, Palermo, I. Uva, De Gennaro.
Espulsi:
Povia al 32° pt per doppia ammonizione, Cassanelli al 46° per doppia ammonizione, Ivan Uva al 52° per doppia ammonizione.
Note:
al 52° Di Pilato para tiro libero a De Cillis; al 53° Di Pilato para tiro libero a De Cillis; al 62° Tortora sbaglia tiro libero.

S’interrompe dopo quattro turni la striscia di risultati utili consecutivi in campionato del Santos Club Bisceglie, sconfitto 5-6 nella stracittadina con la Diaz, neo capolista di Serie C1 dopo il ko dell’Atletico Cassano a Ostuni.

La stracittadina, disputata al centro sportivo “Aurora” nel pomeriggio di sabato 31 ottobre e valevole per l’ottava giornata, è stata caratterizzata da numerosi colpi di scena da inizio a fine gara. Quintetti inziali: Santos Club con Di Pilato, Francesco Uva, La Notte, Pastore D’Elia; gli ospiti rispondono con  Povia, Tortora, Pedone, De Cillis, Valente.

Inizio di gara interamente di marca gialloblu: già al 2°, Agostino Pastore, uno dei protagonisti del primo tempo, centra l’incrocio dei pali dopo una conclusione dalla banda sinistra. Passano pochi secondi e lo stesso Pastore prima sfiora il vantaggio (tiro fuori di un soffio), poi lo trova al 4° grazie ad un preciso assist di D’Elia. Al 5° Santos Club ancora in avanti: stavolta è l’estremo Di Pilato ad alzare il baricentro, ma la sua conclusione da metà campo termina fuori di poco.

Al 6° arriva il 2-0 del Santos Club firmato da Angelo La Notte, il quale approfitta di un errato disimpegno di Tortora in area di rigore. La Diaz è alle corde e il team di Francesco Tritto mette a segno il 3-0: al 7° Pastore, ancora servito dal pivot Gianni D’Elia, insacca alle spalle di Povia.
Immediata la reazione degli ospiti con due conclusioni di De Cillis, ma Di Pilato si fa trovare pronto in entrambe le occasioni.

Al 13° la Diaz accorcia le distanze (3-1): dopo il palo colpito da Cassanelli, Gigi Palermo deposita in rete da pochi passi. Il Santos Club difende il risultato e al 29° sfiora la rete del 4-1 con un calcio di punizione dalla destra di Gianluca Di Benedetto: solo il palo gli nega la gioia del gol. Pericolo scampato per la Diaz che, nella successiva azione, segna il gol 3-2: Alberto Tortora sfrutta l’assist di Garofoli per insaccare in spaccata alle spalle di Di Pilato.

Finale di gara incandescente: Di Pinto, tecnico della Diaz, viene allontanato dal duo arbitrale; nel recupero l’estremo biancorosso Povia viene prima ammonito per aver rilanciato la sfera dopo i quattro secondi previsti dal regolamento, poi, sulla successiva punizione dal limite in favore del Santos Club, riceve un altro cartellino giallo per non aver rispettato la distanza richiesta da uno dei due direttori di gara. Dunque, Diaz in momentanea inferiorità numerica con Ciannella che prende il posto dell’espulso Povia.

Dopo l’intervallo Santos Club subito vicino alla rete del 4-2 prima con Gallo (servito da Pastore), poi con Pastore, sfortunato nel cogliere il secondo legno personale di giornata (nonché il terzo complessivo del Santos Club) con un siluro dalla banda sinistra.

Così tra il 35° e 39° si scatena Sergio De Cillis, autore di una doppietta, che capovolge il risultato e porta la Diaz sul 3-4. Al 41° Valente, autore di un assist in occasione della prima rete di De Cillis, si gira in area e colpisce un palo, mentre un minuto dopo Gianni D’Elia, ben servito dalla destra da Francesco Uva, mette a segno la rete del 4-4.

Non c’è un attimo di respiro: al 43° è il Santos Club a riportarsi in vantaggio (5-4) grazie agli stessi interpreti, stavolta con Francesco Uva marcatore e D’Elia in versione assistmen. Al 45 ° lo stesso D’Elia sfiora la rete del 6-4, mentre al 46° la Diaz rimane nuovamente in momentanea inferiorità numerica per il secondo giallo rifilato a Enzo Cassanelli, autore di un intervento in ritardo da dietro sul centrale classe ’97 Ivan Uva.

La gara è sempre incerta e al 50° arriva la rete della svolta (5-5) per la Diaz con Cosimo Preziosa sugli sviluppi di un corner calciato da Sergio De Cillis. Negli ultimi 10′ di gara il Santos Club esaurisce il bonus falli e al 51° una grossolana ingenuità di De Gennaro consente alla Diaz di andare al tiro libero con De Cillis: l’estremo gialloblu Di Pilato intuisce la direzione e tocca la sfera, ma non basta (5-6).
Al 52° Ivan Uva spende il settimo fallo: doppio giallo per lui e nuovo libero per la Diaz, ma stavolta è Di Pilato a vincere il duello dal dischetto con De Cillis. Al 53° Valerio Di Pilato conferma la sua specialità, respingendo un altro libero a Sergio De Cillis.
Nel recupero la Diaz spreca un’altra chance dal dischetto del tiro libero, stavolta con Tortora che spiazza Di Pilato, ma calcia debole e a lato. Negli ultimi secondi rimanenti il Santos Club si gioca il tutto per tutto con il quinto di movimento, ma non basta per evitare un’amara e immeritata sconfitta.

Nicola Colangelo

Chi è Nicola Colangelo

Redattore sportivo, ha iniziato la sua collaborazione con Bisceglie in diretta a partire da ottobre 2012. Attualmente è impegnato negli studi universitari con il corso di laurea in Scienze della comunicazione.




Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 1 novembre 2015