RUVO-SANTOS CLUB 3-4. Decide D’Elia nel finale: i gialloblu agganciano il Torremaggiore al terzo posto

Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 30 marzo 2015

RUVO-SANTOS CLUB 3-4. Decide D’Elia nel finale: i gialloblu agganciano il Torremaggiore al terzo posto


Ruvo-Santos Club 3-4

Il cuore oltre l’ostacolo: nonostante le numerose defezioni di formazione, il Santos Club ottiene il suo undicesimo successo in campionato imponendosi 3-4 sul campo del Ruvo.

Mister Francesco Tritto deve fare a meno dei laterali Gianluca Di Benedetto, Nicola Muggeo, oltre agli estremi difensori Eddy Marmo e Girolamo D’Addato. Assente anche Francesco De Cillis, il tecnico biscegliese recupera in extremis il centrale Angelo La Notte e il pivot Gianni D’Elia, usciti con qualche acciacco di troppo nel derby con il Nettuno. Convocati, dunque, tre elementi della formazione Juniores: l’estremo Valerio Di Pilato, al quale verranno affidate le chiavi della porta gialloblu, il laterale Giulio Mugeo e il pivot Davide Amato.

Al PalaColombo di Ruvo, nel posticipo della ventesima giornata di Serie C2 girone A, si assiste ad una gara molto maschia: i padroni di casa, settimi in classifica ma ormai fuori dalla zona playoff, intendono onorare nel migliore dei modi questo finale di campionato; il Santos Club del presidente Ricchiuti, invece, vuole riscattarsi dal brusco ko di una settimana prima, magari con una vittoria che permetterebbe l’aggancio al terzo posto occupato dal Torremaggiore, fermato in casa (3-5) dal Garganus.

Pronti via, i gialloblu si portano subito sul doppio vantaggio grazie alle reti del classe 1997 Giulio Mugeo e di Andrea Formicola che trafigge il portiere locale su calcio di punizione.
I padroni di casa non restano a guardare ed accorciano prima le distanze con Andriani, poi pareggiano i conti poco prima dell’intervallo con il tiro libero trasformato da Mastrorilli.

Nella ripresa si assiste ad una gara combattuta ed emozionante: il laterale Agostino Pastore mette a segno la rete del 2-3. Successivamente il Ruvo cerca in tutti i modi per realizzare la rete del 3-3, giocandosi anche la carta del quinto di movimento: arriva così la rete del pareggio firmata da Sciangalepore, sulla quale sarà decisiva la sfortunata deviazione del biscegliese Angelo La Notte.

Nel finale, poco prima del recupero, il pivot Gianni D’Elia sigla una rete pesantissima, quella del definitivo 3-4 che permette di mettere in cassaforte tre punti fondamentali per l’economia della classifica. Nei tre minuti di recupero, successivamente diventati cinque, il Santos Club resiste agli attacchi ospiti: al triplice fischio finale la panchina biscegliese espolode di gioia per una vittoria sofferta, ma allo stesso tempo meritata.

Una vittoria voluta e cercata a tutti i costi dal Santos Club che riesce ad ovviare alle assenze con grinta, determinazione, spirito di sacrificio, coesione di gruppo: tutti elementi che hanno caratterizzato questa prima avventura in Serie C2. Tutto questo senza dimenticare le diverse soluzioni offerte dall’attività giovanile alla prima squadra: soluzioni che il tecnico Francesco Tritto ha dimostrato più volte di sapere sfruttare ed integrare nel migliore dei modi.
Dimostrazione che il progetto Santos Club sta navigando a gonfie vele…

Sabato 4 aprile il Santos Club ospiterà nella ventunesima e penultima giornata di campionato, la capolista Futsal Andria, formazione a caccia della della promozione diretta in Serie C1 con una giornata d’anticipo.

Serie C2 girone A – 20° turno
Futsal Andria-Trops Sammarco 14-5
Nettuno-Atletico Troia 8-2
Ruvo-Santos Club 3-4
Futsal Giovinazzo-Poggiorsini 9-4
Torremaggiore-Garganus 3-5
Riposa: Tiki Taka San Severo

Classifica
Futsal Andria 44; Garganus* 41; Torremaggiore, Santos Club 34; Futsal Giovinazzo* 33; Nettuno Bisceglie 31; Ruvo 22; Tiki Taka San Severo 20; Poggiorsini 16; Atletico Troia 12, Trops Sammarco 2.
*Non ha ancora riposato

Nicola Colangelo

Chi è Nicola Colangelo

Redattore sportivo, ha iniziato la sua collaborazione con Bisceglie in diretta a partire da ottobre 2012. Attualmente è impegnato negli studi universitari con il corso di laurea in Scienze della comunicazione.




Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 30 marzo 2015