Rotary Club protagonista a LBA. Il presidente Mauro Pedone: «Il motto di quest’anno è: fare bene il bene fa bene. Speriamo di aver fatto bene»

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 30 agosto 2016

Rotary Club protagonista a LBA. Il presidente Mauro Pedone: «Il motto di quest’anno è: fare bene il bene fa bene. Speriamo di aver fatto bene»


48 tra autori e moderatori introdotti, sette club partecipanti (Trani, Molfetta, Policoro, Barletta, Corato e Bitonto – Terre dell’Olio, oltre a quello di Bisceglie), migliaia di visitatori gestiti, la capacità di mettere insieme tutte le generazioni rotariane e di renderle protagoniste.

 Per il Rotary Bisceglie, la prima edizione di supporto e collaborazione a “Libri nel Borgo Antico” è più che un semplice successo. A due mesi appena dall’inizio del suo mandato, il presidente Mauro Pedone con questo evento ha consolidato l’apprezzamento del suo club nella città e nel distretto 2120 di Puglia e Basilicata.

Il club ha gestito tutti gli incontri letterari del Castello Svevo tra 26 e 28 agosto, aggiungendo valore ad una rassegna culturale di livello nazionale,  ottimizzando il club, le sue professionalità, il suo impegno per una cultura diffusa e democratica.

 «Devo in primis ringraziare gli amici dell’Associazione Borgo Antico per aver accettato il nostro invito a collaborare, e, per tutti, il suo presidente Francesco Dente – rotarianoil Segretario di Club, Antonella Lafranceschina, per la preziosa e insostituibile opera, oltre naturalmente a tutti i soci coinvolti. Abbiamo fatto service, abbiamo dato forma a tutti i valori rotariani e lo abbiamo fatto impegnandoci a fondo ma divertendoci, consolidando ogni amicizia. Cosa volere di più?» – spiega, stanco ma soddisfatto, il presidente Pedone all’indomani della chiusura dell’evento. Coglie, quindi, l’occasione per ribadire un concetto: «Il Rotary International è un’associazione di uomini e donne che si sforzano di fare cose utili e buone per altri uomini e donne. Il motto di questo anno è: fare bene il bene fa bene. Noi speriamo di aver fatto bene».

 Il successo, da qualunque punto di vista lo si voglia interpretare, è lampante: l’aver coinvolto molti rotariani entusiasti, ha dato lustro alle singole professionalità in campo. I soci, sono intervenuti sopratutto  nelle introduzioni delle conversazioni, taluni in qualità di autori, molti in qualità di moderatori.

Le sedie disposte per la location non sono mai state sufficienti, segno che il pubblico, numeroso e attento, ha gradito tutti i libri scelti dalla segreteria organizzativa per valorizzare la piazza. Autori di calibro – tra cui il caporedattore della Gazzetta del Mezzogiorno Carmela Formicola, Marcello Introna col suo “Percoco” edito da Mondadori, i fratelli Caprio, Alfonso Soldano e il vescovo dell’Arcidiocesi di Barletta – Andria – Trani Sue Ecc. mons. Giovan Battista Pichierri,  hanno popolato il Castello, suscitando l’interesse di ospiti eccellenti quali Giordano Bruno Guerri – che ha avuto parole di apprezzamento per l’intera manifestazione – e il giornalista RAI Enzo Quarto.

Tutti elementi di un puzzle felice che hanno portato l’istruttore distrettuale Beppe Di Liddo ad affermare che si è trattato di: «un’esperienza fantastica, un contributo alla promozione della cultura come strumento di conoscenza e comprensione dell’altro, un contributo alla promozione delle risorse intellettuali del territorio, un esercizio di cittadinanza attiva: insomma un esercizio di Rotary».

La presenza, per tre giorni, del Governatore prof. Luca Gallo, massima autorità distrettuale rotariana, non ha fatto che dare conferma della bontà dell’iniziativa. «Un ottimo lavoro di squadra – lo ha definito Gallo, aggiungendo che:  – abbiamo oggi disperatamente bisogno di libri, per comprendere la realtà delle cose, per riflettere su di noi, sulla vita, sulla sofferenza, sulla conoscenza del territorio, sui beni culturali e sulla “bellezza”».

Il sipario sulla settima edizione di Libri nel Borgo Antico cala dando una incredibile carica di energia al club, che è ora già proiettato in una serie di iniziative all’insegna degli stessi must do: «impegno civico e passione, spirito di servizio e amore per la propria terra». «Questo ha spinto il nostro, ed altri Club, ad esserci – conclude il presidente Pedone. – E questo ci spinge ad esserci ancora.  Insieme si può fare di più, per essere in pienezza “cittadini impegnati dal locale al globale” e sentirci “un Rotary al servizio dell’umanità”».

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 30 agosto 2016