RICORSO AL CONSIGLIO DI STATO RESPINTO: MOLFETTA NON TORNERA’ AL VOTO. LA GIUNTA NATALICCHIO PUO’ ANDARE AVANTI

Dal territorio // Scritto da Vito Troilo // 13 febbraio 2014

RICORSO AL CONSIGLIO DI STATO RESPINTO: MOLFETTA NON TORNERA’ AL VOTO. LA GIUNTA NATALICCHIO PUO’ ANDARE AVANTI


La giunta di Paola Natalicchio

La giunta di Paola Natalicchio

La tanto sospirata sentenza del Consiglio di Stato ha messo fine alla querelle legata alla presentazione delle candidature e delle liste per la competizione elettorale di maggio e giugno vinta a Molfetta dal centrosinistra.

L’approdo della giornalista-scrittrice Paola Natalicchio e della sua giunta molto al femminile (5 su 7) a Palazzo Giovene è stato ulteriormente legittimato da ciò che il massimo livello della giustizia amministrativa (competente nel caso di specie) ha stabilito.

Le forze di centrodestra legate al senatore Antonio Azzollini, sorprendentemente sconfitte al ballottaggio con il proprio candidato Ninni Camporeale (presidente del consiglio comunale uscente), avevano presentato un ricorso in seguito all’analoga iniziativa intrapresa da un altro gruppo politico uscito battuto dalle elezioni amministrative di Valenzano.

I ricorrenti hanno sostenuto che, a norma di legge, non fosse possibile per un consigliere provinciale autenticare le firme dei cittadini e dei militanti che i movimenti politici devono raccogliere per presentare le loro liste alle competizioni elettorali. Il Consiglio di Stato ha sciolto ogni riserva sentenziando che farlo è perfettamente rispondente alle regole, soprattutto perché, sia nel caso di Valenzano che di Molfetta, le firme sono state autenticate da consiglieri della provincia di Bari, di cui i due comuni fanno parte.

Il Tar Puglia, interpellato benché a un grado di giudizio inferiore rispetto al Consiglio di Stato, dovrebbe pronunciarsi uniformandosi alla sentenza pronunciata giovedì a Palazzo Spada. L’attività della giunta di Paola Natalicchio può proseguire a tutti gli effetti dopo i comprensibili rallentamenti dei giorni scorsi.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Dal territorio // Scritto da Vito Troilo // 13 febbraio 2014