Registro tumori Puglia: nella Bat alta incidenza di cancro al fegato

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 19 settembre 2016

Registro tumori Puglia: nella Bat alta incidenza di cancro al fegato


Ci sarà certamente da approfondire, perché la causa dell’alta incidenza di tumori al fegato nella provincia di Barletta – Andria – Trani deve avere una spiegazione.

Il Registro Tumori della Regione Puglia, appena compilato sulla base dei dati raccolti nel 2015, snocciola tutti numeri statisticamente interessanti, spiegando che in Puglia ogni anno si ammalano di tumore 11.000 uomini e 9.000 donne, con una media di 6 uomini e 4 donne ogni 1000 abitanti. Per gli uomini le patologie tumorali più diffuse in Puglia riguardano il tumore ai polmoni e bronchi (18,1%) e per le donne il cancro alla mammella (29,2%).
Il dato è in linea con il trend nazionale e in alcuni casi inferiore.
Si riscontrano però alcune criticità territoriali per alcune tipologie di tumori: quella maggiore è rappresentata, per gli uomini, dal tumore al fegato che nella Bat ha un’incidenza del 33% contro il 20,3% della media nazionale.
L’altro elemento di criticità è legato al cancro ai polmoni, preponderante nelle province di Lecce e nel capoluogo tarantino. Superiore al trend nazionale, anche il numero di tumori alla vescica, con dati preoccupanti nelle province di Brindisi, Lecce e Taranto. Preoccupa anche la crescita del tumore alla tiroide e del melanoma cutaneo, nonché  l’incidenza dei tumori infantili nell’area tarantina (+30% rispetto al resto del territorio).

Il registro, istituito nel 2008 con apposita delibera regionale, contiene i dati relativi alle sei province pugliesi e analizza, oltre all’incidenza delle patologie tumorali, l’indice di mortalità e la sopravvivenza entro i 5 anni dalla scoperta della malattia.

“La novità del Registro Tumori in Puglia è che consente di avere un rapporto globale del territorio regionale. Per la prima volta è stato inserito inoltre l’indice relativo alla sopravvivenza entro 5 anni dalla scoperta della malattia”  dichiara Giovanni Gorgoni, direttore del Dipartimento della Salute della Regione Puglia.

Un dato, quest’ultimo, che vede la Puglia posizionarsi tra i gradini più bassi della classifica nazionale:  al Nord, le possibilità di sopravvivenza sono maggiori, nonostante la più alta incidenza di patologie tumorali.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 19 settembre 2016