Rassegna un libro con tè, si parla di Omicidi di stato e istigazioni al suicidio

Attualità / Cultura // Scritto da Cristina Giovenale // 22 aprile 2015

Rassegna un libro con tè, si parla di Omicidi di stato e istigazioni al suicidio


Venerdì 24 aprile un nuovo incontro della rassegna

Ritorna l’appuntamento con la cultura della rassegna di autori locali “Un libro con tè”, ideata e organizzata dalla biscegliese Isabella Di Liddo. Dopo gli ultimi due incontri che hanno dato voce alle poetesse Lucia Sallustio e Maria Giulia Dell’Olio, gli spazi della cioccolateria Bon Ton di Bisceglie si preparano ad ospitare venerdì 24 aprile dalle ore 18.00 il libro dossier “Omicidi di Stato? Istigazione al suicidio?; il libro è curato dall’autrice coratina Tiziana Di Gravina ed è edito Montecovello.

Copertina-tiziana

La copertina del libro di Tiziana di Gravina

A moderare l’incontro e a dialogare con l’autrice, ci saranno il giornalista Antonio Catacchio e l’avvocato Roberto Loizzo, i quali ricoprono rispettivamente la carica di presidente e vice presidente dell’associazione InformAEticamente che ha preso parte alla macchina organizzativa dell’evento del 24 aprile.

Il libro, un dossier di testimonianze

Tiziana Di Gravina vive a Corato, svolge la professione di editor e coordinatore editoriale magazine per la casa editrice Montecovello.

Il libro si configura come un dossier in cui sono riportate testimonianze, esempi d’impegno che vanno verso la direzione del cambiamento.” Un silenzioso fiume di vittime scorre, ogni giorno, anno dopo anno, sotto i nostri occhi che, troppo spesso, scelgono di guardare fingendo di non vedere. Voci che gridano aiuto perdendosi, troppo facilmente, nell’oblio dell’omertà, la cui unica colpa è quella di urlare una realtà scomoda che si preferisce arginare. Sono queste le voci racchiuse in un calendario che percorre gli ultimi cinque anni della critica situazione economica del nostro Paese che miete quotidianamente vittime innocenti di disperazione”.

Il libro della Di Gravina focalizza l’attenzione su quelle persone che hanno avuto il coraggio di intraprendere la strada del non ritorno, perseguendo l’obiettivo della serenità. Nello sfogliare testimonianze dignitose, il libro vuole omaggiare queste voci affinché portino verso una riflessione collettiva e spingere la collettività a dire “basta”.

L’ingresso all’evento è libero e gratuito, per chi volesse maggiori informazioni può contattare i seguenti numeri di telefono 333 235 97 50/ 347 126 2953,

Cristina Giovenale

Chi è Cristina Giovenale

Giornalista pubblicista dal 2009, laureata con lode in Filologia Moderna collabora con Biscegliendiretta dal 2006. Ha lavorato come giornalista per l'ATS-agenzia telegrafica Svizzera e per l'ufficio stampa dell'ambasciata d'Italia a Berna. Ha anche collaborato con il Corriere del Mezzogiorno, dorso pugliese del Corriere della sera.




Attualità / Cultura // Scritto da Cristina Giovenale // 22 aprile 2015