RACCOLTA DIFFERENZIATA, DATI IN PICCHIATA

Ambiente / Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 20 giugno 2013

RACCOLTA DIFFERENZIATA, DATI IN PICCHIATA


Andamento della differenziata a Bisceglie, 2012 e 2013 a confronto

 

#GRAFICA: I DATI DELLA DIFFERENZIATA NEL 2012

Da anni non si registravano dati così negativi, per la raccolta differenziata a Bisceglie.

Dopo aver superato nel 2011 il 25% ed aver registrato nel 2012 flessioni sino al 26% nel mese di ottobre (la media dei 12 mesi è stata invece del 22%), l’ “anno del rilancio” del green e del porta-a-porta, registra dati allarmanti. La differenziata, nei primi 4 mesi di raccolta dati, scende al 16% per la città di Bisceglie,  mentre la produzione pro capite di rifiuti resta ferma ad una media di circa 35 kg al mese per abitante.

La media nell’Ato BA 1 si attesta ormai al 33, 28 % (in tutta la Puglia supera di poco la soglia del 22%), classificando Bisceglie come comune poco virtuoso, nonostante i progetti messi in atto dal Comune e previsti dal contratto con l’impresa CamassAmbiente, gestore del servizio di igiene pubblica nella città di Bisceglie.

La produzione di rifiuti pro capite nei primi 4 mesi del 2013

Per la prima volta le percentuali si approssimano a quelle della città di Trani, che non ha mai goduto di ottima fama nel campo della gestione del ciclo dei rifiuti.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Ambiente / Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 20 giugno 2013
  • ventura domenico

    Era un dato prevedibile,anche perchè quando si decide di avviare una gara per il servizio di raccolta dei riifuti c’è bisogno di conoscere le criticità di un servizio. Non parliamo dei dirigenti esperti che hanno visioneto i progetti in commissione di gara che hanno premiato una azienda ” Intini” che aveva presentato un progetto “irrealizzabile” ma che serviva solo a vendere l’Azienda infatti adesso c’è Camassa Ambiente. Mi chiedo dove sono gli investimenti previsti in gara? Dove sono tutti i mezzi nuovi con alimentazione a gas Metano? dove sono i contenitori e quant’altro presenti nel progetto non ancora a regime dopo diversi anni dall’aggiudicazione? Non si può parlare di percentuali di raccolta differenziata se non si eliminano i contenitori stradali e dico eliminano………Andria insegna….