PROMOZIONE, UN TRIS DI CORRADO FERRANTE MANDA KO IL REAL MODUGNO

Sport // Scritto da Bartolomeo Pasquale // 2 febbraio 2014

PROMOZIONE, UN TRIS DI CORRADO FERRANTE MANDA KO IL REAL MODUGNO


I giocatori dell'Unione in festa

I giocatori dell’Unione in festa

Unione Calcio Bisceglie-Real Modugno 3-2

Unione Calcio Bisceglie
: Antonino, Angelo Monopoli, Malerba, Manasterliu, Tridente, Chisena (dal 55° Antonio Monopoli), Carlucci, Gabriele Monopoli (dal 90° De Masi), Ferrante, Di Pierro, Porcelluzzi (dal 77° Bufi). Allenatore: Renzo Ferrante. A disposizione: Di Fazio, Troilo, D’Ambrosio, Di Ceglie.

Real Modugno: Bonavita, Ronzullo, Grimaldi, Mongelli, De Francesco, Romito, Abbinante (dal 46° Sassanelli), Calicchio, Pica, Indrago (dal 67° Tenzone), Kociray (dal 78° Pizzuto). Allenatore: Carella. A disposizione: Colagrande, Evangelista, Lovergine, Danza.

Arbitro: Andreano di Foggia.

Reti: 17° Calicchio, 41° Ferrante, 73°, 84° Ferrante, 88° Pica.

Note: ammoniti Kociray, Malerba, Gabriele Monopoli, Porcelluzzi, Carlucci. Espulsi Grimaldi al 48°, Angelo Monopoli al 55°, Calicchio al 90° per doppia ammonizione, mister Carella al 90° per proteste.

Di padre in figlio: per la prima vittoria della sua gestione Renzo Ferrante dovrà molto alle prodezze del figlio Corrado, con una tripletta indiscusso protagonista del match casalingo con il Real Modugno.

Davanti ad una buona cornice di pubblico e con il terreno del “Francesco Di Liddo” ai limiti della praticabilità, l’Unione Bisceglie è tornata a vincere dopo quattro turni superando un avversario giunto con l’intento di allungare a +10 il gap dagli azzurri. La voglia di vincere e l’abnegazione della formazione di Ferrante hanno però prevalso.

I biscegliesi sono ben messi in campo con una difesa lineare che vede al centro Tridente e l’esordiente Angelo Gabriele Monopoli, a cui nella ripresa verrà affiancato il fratello Antonio in luogo di Chisena; Ferrante terminale di riferimento e il duo Di Pierro-Porcelluzzi in fase di inventiva. Eppure i biancomalva di mister Carella (oggi in tenuta gialloblu) passano in vantaggio per primi al minuto 15, allorquando Antonino non può nulla sulla ribattuta in rete di Calicchio, dopo il rigore neutralizzatogli.

Sul finire del primo tempo esplode il funambolo ex Tricase e Molfetta che ringrazia l’arbitro Andreano per il rigore concessogli; palla da una parte, portiere dall’altra.

Ad inizio secondo tempo due rossi comminati dal direttore di gara, uno per parte con Grimaldi e Angelo Monopoli. L’Unione ci mette del suo e si fa pericoloso davanti a Bonavita con Porcelluzzi, Di Pierro e lo stesso Ferrante in qualche occasione. La gara viene, tuttavia, decisa ancora da quest’ultimo che archivia la pratica nel giro di dieci minuti fra il 74° e l’84° con due conclusioni fotocopia: lancio lungo nello spazio aperto al veloce contropiede sulla destra, il numero 9 azzurro si allarga, entra in area e brucia l’estremo difensore in uscita, salendo così in doppia cifra nella classifica cannonieri.

A nulla serve il gol messo a segno dalla premiata ditta Mongelli-Pica a due minuti dal termine: lob del numero quattro biancomalva su Antonino, la palla ballerina viene comdomante appoggiata nel sette sguarnito dall’ex bomber del Bisceglie.

Una sfida non priva di emozioni che ha visto in campo un Unione compatta rispetto all’uscita di Bitritto e determinata a muovere la classifica per raggiungere una zona playoff ancora lontana sette punti. L’ottima prova espressa nel pomeriggio ispirerà notevole fiducia in vista dell’importante incontro di domenica 9 febbraio, quando al “Città degli Ulivi” di Bitonto sarà la capolista neroverde ad ospitare la compagine del presidente Enzo Pedone.

Chi è Bartolomeo Pasquale

Bartolomeo Pasquale nasce a Molfetta il 15 Gennaio 1987. All'età di dodici anni vince il premio speciale alla seconda edizione del premio scolastico "Vincenzo Fata" con il video-report dal titolo "Bisceglie in dieci minuti". Redattore per Bisceglie in diretta dal 2008, è stato presentatore per programmi radiofonici, spettacoli e contest, conseguendo il titolo di giornalista pubblicista nel 2010. Laureato in Giurisprudenza con tesi in Diritto del Lavoro presso l'Università degli Studi di Bari, è praticante avvocato dal Novembre 2012.




Sport // Scritto da Bartolomeo Pasquale // 2 febbraio 2014