Procede l’attivtà di sensibilizzazione alla valorizzazione di Villa Fiori

Cultura // Scritto da direttatesting // 1 marzo 2012

L’associazione Puglia Scoperta non molla! La sua attività di sensibilizzazione alla tutela e valorizzazione dei beni culturali della città procede con pervicacia. Decisamente lodevole l’impegno che caratterizza questo gruppo di lavoro.

Continuano, quindi, gli appuntamenti con Puglia Scoperta e le Ville Vesuviane. Dopo la chiesa di S. Teresa a Chiaia, una delle chiese più caratteristiche di Napoli, questa volta protagonista del manifesto comparativo è Villa Campolieto, ad Ercolano (Na). Anche in questo caso, osservando i due edifici, ci si rende conto delle fortissime analogie tra la nostra Villa Fiori e l’edificio partenopeo.

Era il 1738, quando Carlo di Borbone e Maria Amalia di Sassonia, sua moglie, scelsero Portici per costruire una nuova reggia e per dare inizio agli scavi della città romana di Herculaneum.

Da quel momento, tutti i nobili napoletani seguirono la corte dei Borbone ed innalzarono nella zona costiera ai piedi del Vesuvio alcune ville per il soggiorno estivo, creando un complesso architettonico unico al mondo per quantità e bellezza: un dialogo tra natura ed artificio, mare e vulcano, rococò e neoclassicismo.

Il caso volle che una di queste famiglie (i Fiori, originari di Sorrento) si stabilì a Bisceglie già nel XV sec.
Ecco quanto afferma il gruppo:

Siamo qui a chiederci, ancora una volta, il motivo per cui una Villa Biscegliese come Villa Fiori, al tempo Casino extra moenia, che nulla ha da invidiare allo spettacolare complesso napoletano, debba ancora rimanere nascosto agli occhi di molti. Completamente immersa nel nostro prestigioso centro urbano, Villa Fiori potrebbe diventare centro e luogo di attrazione per la nostra cittadina.
Bisceglie ricca di ville e palazzi, frantoi ipogei e casali dalla bellezza unica e dal valore storico inestimabile. Chiediamo solo che tutti possano godere oggi delle ricchezze che appartengono al NOSTRO passato. Fieri delle nostre radici, scopriamo insieme il Palazzo Fiore.

Chi è Fabrizio Ardito

Nato a Bari, vivo nella BAT-provincia. Studio Marketing e scrivo per la redazione de "La Diretta nuova", sia cartacea che web.




Cultura // Scritto da direttatesting // 1 marzo 2012