Piano anticorruzione, le proposte di Bisceglie Civile: «Concorsi per il personale del comune con commissari esterni non iscritti o militanti in alcun movimento politico»

Attualità // Scritto da Vito Troilo // 1 febbraio 2017

Piano anticorruzione, le proposte di Bisceglie Civile: «Concorsi per il personale del comune con commissari esterni non iscritti o militanti in alcun movimento politico»

Il Comitato ha inviato le sue deduzioni al segretario generale Lazzaro

“Eppur si muove”. La celebre massima attribuita a Galileo Galilei potrebbe risultare appropriata in merito al piano comunale per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza, promosso dal segretario generale Angelo Lazzaro. Lo storico disinteresse (tradotto nella scarsa affluenza alle Giornate delle trasparenza) nei confronti di una materia che in realtà dovrebbe essere oggetto di particolare attenzione da parte della comunità sembrerebbe lasciare il campo a una maggiore considerazione. Un fatto nuovo.

Le proposte formulate dal semplice cittadino Pasquale Caprioli, riassunte in un articolo pubblicato martedì dal nostro sito, non sono le uniche presentate all’Ente. Un’iniziativa analoga è stata assunta dal Comitato Bisceglie Civile, che si è rivolto a Lazzaro attraverso una nota protocollata lo scorso 24 gennaio.

 «Vista la necessità di garantire una sempre maggiore trasparenza e imparzialità nell’operato della Pubblica Amministrazione; vista la sostanziale mancanza di un’esplicita definizione di criteri di selezione ad assunzione di nuovo personale alle dirette dipendenze del comune di Bisceglie tramite regolamento comunale, alla stregua di quanto fatto in altri ambiti; vista le genericità delle disposizioni presenti nel vigente Piano triennale di prevenzione della corruzione e per la trasparenza” in virtù delle quali, in materia gestione delle procedure concorsuali, si prevede che “i componenti le commissioni di concorso e di gara dovranno rendere all’atto dell’insediamento dichiarazione di non trovarsi in rapporti di parentela o di lavoro o professionali o comunque di abituale relazione con i partecipanti alla gara od al concorso” (si veda il punto m) del “Piano triennale per la prevenzione della corruzione aggiornamento per il triennio 2016/2018” approvato con deliberazione della giunta comunale n° 5 del 28.01.2016)» il comitato presieduto da Grazia Amoruso ritiene ancora alto il rischio di opacità nella gestione delle assunzioni tramite procedura concorsuale del personale alle dirette dipendenze del comune.

Bisceglie Civile propone perciò di «elaborare un regolamento comunale che disciplini in maniera chiara e trasparente i criteri di assunzione tramite procedura concorsuale di personale alle dirette dipendenze del comune di Bisceglie e di eventuali società da esso partecipate; che il regolamento disponga che le commissioni esaminatrici preposte alla selezione del personale dipendente siano costituite per i 3/4 da commissari esterni rappresentati da professionisti iscritti in albi di sedi (o in caso di indisponibilità di un albo, che abbiano la residenza) distanti/e almeno 500 km da Bisceglie; che il regolamento disponga che tutti i commissari esaminatori non siano iscritti/militanti in partiti/movimenti politici; che il regolamento disponga che la scelta dei commissari sia affidata al presidente del Tribunale, tramite apposita convenzione»

Un’eventuale applicazione di una sintesi delle ipotesi avanzate da Pasquale Caprioli e dal Comitato Bisceglie Civile renderebbe il comune di Bisceglie quasi del tutto immune dal poco confortante verificarsi di assunzioni di persone legate, tramite vari vincoli, ai soggetti politici che agiscono in città e sul territorio. Le probabilità che queste osservazioni siano recepite sono di poco sotto lo zero ma già la manifestazione evidente di questo desiderio è un dato di profonda rottura rispetto al passato.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Attualità // Scritto da Vito Troilo // 1 febbraio 2017