PER RESTAURARE PALAZZO TUPPUTI, IL COMUNE CHIEDE AIUTO AL GAL

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 27 giugno 2013

PER RESTAURARE PALAZZO TUPPUTI, IL COMUNE CHIEDE AIUTO AL GAL


Palazzo Tupputi

Palazzo Tupputi

In caso di finanziamento, il Comune si impegna a concedere l’immobile ad un privato

Anche il Comune partecipa al bando emesso dal Gal “Ponte Lama” per la Misura 323 ” Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale”, chiedendo un aiuto economico per la ristrutturazione di Palazzo Tupputi.

Per la riqualificazione dell’immobile, opera già inserita nel Pianto Triennale dei Lavori Pubblici, si sta agendo su più fronti, al fine di fruire di ogni mezzo di finanziamento esterno alle casse comunali.

Già candidato a ricever un contributo economico da parte della Regione Puglia pari ad 840.000 euro (fondi relativi al Piano Operativo FESR Puglia 2007 – 2013, Asse IV, azione 2.1) e in attesa delle graduatorie, lo storico immobile che ospitò la Dieta delle Puglie, tenta la strada dell’asse II del FESR, approvando un quadro economico dei lavori dell’importo di 320.000 euro. Il contributo richiesto al GAL con delibera di Giunta del 24 giugno scorso, sarà però di 100.000 euro. Gli altri 220.000 euro resteranno, in caso di mancato finanziamento da parte della Regione, a carico del bilancio comunale, a gravarsi sugli anni 2013 e 2014.

Resta fermo, quanto previsto dal bando GAL: stipulando il contratto, in caso di finanziamento, il Comune dovrà   impegnarsi a concedere l’immobile ad un gestore privato per 50 giorni l’anno. Ciò significa che, per privati e associazioni, sarà possibile fare richiesta di utilizzo della sede per attività di interesse pubblico.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 27 giugno 2013
  • Davide

    mancava solo di concedere al privato un simbolo della città ristrutturato con soldi pubblici…sempre ottimi affari