PER LA MONTERISI, IL NATALE E’ IN PEDIATRIA E AL GARIBALDI

Cultura // Scritto da Serena Ferrara // 20 dicembre 2012

PER LA MONTERISI, IL NATALE E’ IN PEDIATRIA E AL GARIBALDI


12190_4992468580459_801050786_n Ancora una tradizione natalizia consolidata, si consumerà questa sera e domani, alle ore 20, presso il Teatro Garibaldi. Arrivano i concerti di Natale a cura della  Scuola Media “R.Monterisi”, della piccola Orchestra “R.Monterisi” e Scuola elementare 2°circolo. Oltre 200 ragazzi su un palcoscenico dei più attesi per centinaia di mamme, papà, cuginetti, fratellini zii e nonni che siederanno tra le fila degli spettatori, telecamere e fotocamere alla mano.

E se questa sera lo spettacolo sarà dedicato ai canti, domani l’Orchestra Monterisi (oltre 100 ragazzi guidati dalla squadra degli insegnanti Salvatore Barile, Clelia Sguera, Mirella Sasso, Domenico Bruno, Gianni Ciliberti, Antonio Cucumazzo, Antonello Cavallo, Vincenzo Mastropirro) faranno da sé  dando prova ancora una volta della professionalità che si riconosce a questo piccolo miracolo dell’istruzione made in Bisceglie.

Ma la SMS Monterisi, quest’anno ha fatto anche di più, riuscendo al meglio in una missione Natalizia delle più encomiabili: far breccia nel cuore dei bimbi ricoverati presso l’ospedale di Bisceglie e regalar loro attimi di allegria.

monterisi pediatria2

 “Elevare il concetto di solidarietà nella scuola e nella comunità sociale – spiegano le insegnanti coordinatrici Anna M. Colangelo e  Lucrezia Di Molfetta – è uno degli obiettivi educativi che rientra anche nel progetto Comenius cui stiamo lavorando insieme con altre tre scuole europee (Inghilterra, Germania e Austria).  Ecco perché abbiamo deciso di aderire al Progetto “Natale in Pediatria”, proposto dalla F.e.d.e.r.a.i.s.f. Puglia e dall’A.g.e.s.c.i. – Trani, attraverso la raccolta di giocattoli per i bimbi degenti dell’Ospedale Civile di Bisceglie. L’iniziativa da noi organizzata ha coinvolto numerosi alunni dell’Istituto che, per l’occasione, hanno realizzato segnalibri, confezionato i doni e preparato poesie e canti natalizi. Eccezionale è stata la risposta delle famiglie che hanno contribuito in maniera davvero generosa“. monterisi pedriatria 3

Il nostro intento – proseguono le insegnanti – è  quello di continuare a far crescere la cultura solidale con l’obiettivo di costruire un mondo migliore. Un plauso a tutti quelli che hanno contribuito alla realizzazione di tale iniziativa: al dirigente scolastico, prof.ssa R. Minervini, ai referenti del Progetto, ai genitori, ai docenti e, naturalmente, ai nostri straordinari ragazzi“.

Non ascoltate solo con le orecchie ma col cuore!” è stato il monito del “presentatore” di prima media, che ha animato l’evento in modo davvero speciale. L’iniziativa ha rappresentato una tappa del percorso di riflessione e promozione della Convenzione ONU dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, avviato dalla scuola media Monterisi con la “Bicistaffetta”, che ha coinvolto la scuola primaria e le scuole superiori del nostro quartiere. Una copia del manifesto ufficiale della Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia, realizzato dalla nostra scuola per questo evento, è stata donata al Reparto di Pediatria.

monterisi pediatria

Il giorno 15 dicembre 2012, con i promotori del Progetto, ragazzi e docenti si sono pertanto recati nel reparto di Pediatria del Vittorio Emanuele II, accolti dal primario dr. L. Di Terlizzi  e dalla sua équipe. I  ragazzi hanno donato giocattoli e segnalibri realizzati a scuola ai bambini ricoverati. A seguire, la lettura di poesie e canti natalizi animati dagli stessi alunni che, con le loro voci e i loro gesti di generosità, sono riusciti a rallegrare sia pure per un momento l’ambiente del reparto.

 

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Cultura // Scritto da Serena Ferrara // 20 dicembre 2012