OPINIONI | Si vergogni, onorevole Vendola!

Opinioni / Politica // Scritto da Mimi Capurso // 8 marzo 2016

OPINIONI | Si vergogni, onorevole Vendola!


Stimatissimi concittadini che votate “Sinistra Ecologia Libertà”, fra poco “Sinistra italiana” e dirigenti in primis; sono un Sessantottino Marxista-Leninista mai pentito e un sincero cattolico praticante, gìà ministro straordinario dell’Eucarestia presso parrocchia di Sant’Agostino, allora guidata da don Mario Pellegrino, oggi sacerdote missionario in Brasile.

Feci di tutto per invitare Nichi Vendola, allora solo erudito intellettuale comunista, oggi deputato e leader di Sel. Ebbene Vendola ci onorò della sua presenza in parrocchia.  Sono passati molti anni e non ricordo il tema del dibattito. Incuriositi, oltre ai soliti fedeli parteciparono anche non pochi politici di destra, di sinistra e di centro. Per alcuni giorni don Mario e lo scrivente ricevettero accuse del tipo «Non dovevano invitare un comunista». Vabbé, erano i soliti bigotti e politici democristiani, della parrocchia e non.

Da tempo il mitico Pci, oggi Pdci, di fatto è lontano anni luce dal conquistare la simpatia e i voti del popolo italiano. Lo scrivente ovviamente non si rallegra per la fine ingloriosa della “falce e martello”.

Continuavo ad avere, comunque, una sincera e grande stima del deputato Vendola. Oggi non più! Perché non sono più di sinistra? Assolutamente no, anzi sono della Sinistra con la “S” maiuscola. Vendola per soddisfare un suo vomitevole capriccio è andato, come un ricchissimo signore, dai poverissimi e affamati a comprarsi un figlio, rendendo orfano della madre un bambino. Non pochi cittadini di sinistra nazionali, regionali e locali, domandano: «In nome di quale progresso hai tolto quel bimbo a sua madre?»

Tobia Antonio, “figlio” di Nichi Vendola, è cresciuto nel grembo di una poverissima donna indonesiana che, per problemi di estrema miseria, si è prestata alla surrogazione per rimpinguare le sue scarsissime finanze. Il credibile e dotto filosofo marxista Diego Fusaro dichiara: «Compagno Nichi, se paghi una donna migliaia di euro per affittarne il grembo non sei dalla parte degli sfruttati, degli oppressi, dei lavoratori: nel conflitto di classe, hai scelto di disporti dalla parte opposta».

È netta e giusta la condanna del marxista Diego Fusaro di quanto accaduto negli Usa, dove l’ex governatore della Puglia Vendola, ha acquistato, per circa 135 mila euro, un neonato prodotto con l’utero in affitto di una povera  donna, una pratica che in Italia è illegale ed è sanzionata con la reclusione fino a 2 anni e con una multa fino a un milione di euro (articolo 12, comma 6 della legge n° 40 del 2004).

Il triste mercato dell’umano cresce e ha ingressi di destra e di sinistra. Si smetta di chiamarli diritti” (Citazione di Karl H. Marx, filosofo, economista, storico, giornalista che diete vita alla corrente socio-politica del marxismo). Così il quotidiano dei Vescovi è intervenuto  sul caso del figlio di Nichi Vendola. Anche il noto Beppe Grillo, contro Vendola, ha così urlato: «Mi spaventa l’utero in affitto». I figli, onorevole Vendola, con questa tecnica li faranno solo i ricchi come Lei. E questo privilegio è lontano anni luce dall’uguaglianza dei diritti fra i cittadini.  Si vergogni, onorevole! 




Opinioni / Politica // Scritto da Mimi Capurso // 8 marzo 2016