Occhio agli spacciatori di banconote false al mercato settimanale

BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 9 novembre 2015

Occhio agli spacciatori di banconote false al mercato settimanale


Mario

Vi è mai passato per la testa che a Bisceglie, tra i tanti problemi noti, vi è anche un problema di abusivismo commerciale?

Alla “tolleranza zero” che si richiede contro le situazioni di illegalità diffusa, si è scelta la linea della “tolleranza mille”. Si può fare, cioè, qualsiasi attività in qualsiasi posto senza passare per quella roba noiosa di licenze e permessi o rispetto delle regole.

Al mercato settimanale del martedì, ad esempio, stazionano puntuali insieme agli immancabili immigrati con i loro accessori in finto-pellame, personaggi che improvvisano una bancarella mediante scatole di cartone a terra, per vendere biancheria intima e calzini. Abusivi, in tutto e per tutto. Ma nessuno li tocca.

Così, nell’ampio margine della “tolleranza mille” non si infila soltanto il povero cristo che vuole ricavare qualche soldo con rimasugli di magazzino, ma anche una concertata attività di spaccio di banconote false.

Il trucco è semplice: appena l’abusivo riceve una banconota di grosso taglio da un acquirente, simula di non avere resto, si rivolge ad un collega abusivo confinante, scambia la banconota con una falsa, ritorna dall’acquirente sostenendo di aver ricevuto dallo stesso acquirente la banconota falsa. Un fatto realmente accaduto martedì scorso ad un mio familiare. Non escludo, che anche quando questi abusivi danno il resto, possano approfittarne per lo spaccio di valuta falsa.

Ho provato a chiamare la Polizia Municipale, due agenti si sono recati sul posto e si sono fatti indicare da me i protagonisti della truffa che stazionavano sulla via laterale della scuola elementare “Martiri di via Fani”. Non so come sia andata a finire, dimostrare la truffa subita sarebbe stato arduo: la parola del mio familiare contro la loro.

«Il massimo che si possa ottenere in questo momento e in questa situazione –ho riferito agli agenti- è che vengano sgomberati questi abusivi in modo da non far subire ad altri cittadini la stessa truffa». Che poi, sarebbe la cosa più normale in un paese normale, quella dove non vige appunto la “tolleranza mille”.

Ps: non comprate nulla da questi individui. Se proprio volete farlo, pagate tutto con i soldi giusti, senza possibilità di ricevere resto.

Mario Lamanuzzi

Chi è Mario Lamanuzzi

Da oltre 25 anni si occupa di giornalismo locale. Cofondatore de "La Diretta", nel 1999 ha fondato “Bisceglie quindici giorni”, dirigendolo fino al 2003. Ha diretto, in passato, anche i portali Bisceglielive e Molfettalive.




BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 9 novembre 2015