Numero verde reati ambientali: ecco le segnalazioni da Bisceglie

Ambiente // Scritto da Serena Ferrara // 18 agosto 2016

Numero verde reati ambientali: ecco le segnalazioni da Bisceglie

Fino al 15 settembre sarà possibile segnalare abusi e situazioni sospette all’800.894.500

Il ritorno del numero verde per la segnalazione dei reati demaniali è un successo per tutta la Puglia.

200, in 2 mesi esatti di servizio, i reati segnalati dai cittadini all’800.894.500, numero che sarà attivo fino al 15 settembre per ricevere e smistare alle autorità competenti tutte le segnalazioni di abusi nei pressi del mare.

Obiettivo secondo dell’iniziativa promossa dall’Assessorato al Demanio e Patrimonio – sezione Demanio e Patrimonio – Servizio Demanio Marittimo della Regione Puglia e gestito dalla rete di associazioni composta da Rangers d’Italia Sezione Puglia, Coordinamento Regionale delle Guardie di FareAmbiente e Gruppo Ripalta Area Protetta (Gruppo R.A.P.) federato alla Federazione Nazionale Pro Natura, quello di divulgare l’ordinanza balneare regionale che turisti e i bagnanti dovrebbero rispettare, ma che spesso nemmeno conoscono.

Anche a Bisceglie, il gruppo guidato dal biologo Mauro Sasso ha ricevuto una serie di segnalazioni interessanti, per la gran parte riguardanti l’abbandono abusivo di rifiuti su terreno demaniale: amianto nei pressi di Contrada Pantano, abbandono abusivo dei rifiuti sulla spiaggia omonima, discarica illegale in Carrara Le Difese, rifiuti (si tratta di segnalazioni non demaniali, ma comunque raccolte e smistate alle autorità competenti) nei pressi dello Stadio Ventura e nella Zona Artigianale.

Tra le altre segnalazioni prese in carico, quella riguardante un possibile caso di abusivismo edilizio non lontano dal camping La Batteria e  la richiesta della mamma di un ragazzo affetto da sclerosi amiotrofica di poter esercitare il proprio diritto di accesso alle spiagge pubbliche, così come previsto dall’art.1 comma 10 dell’ordinanza balneare in vigore.

Di tutte le richieste, filtrate e riformulate, sono stati messi al corrente Comune, Regione ed altre autorità. In un caso (tra i 30 che in tutta la Regione Puglia hanno avuto un lieto fine), anche con successo: Carrara le Difese sarà presto ripulita. Il sindaco Francesco Spina ha difatti fatto richiesta di smantellamento della discarica abusiva, tramite intervento di una ditta specializzata, che interverrà nelle prossime ore per riportare l’igiene sul suolo pubblico.

Il numero verde, che in realtà accoglie segnalazioni anche via web  (via mail ad ecoreatipuglia.stampa@gmail.com, sul sito www.ecoreatipuglia.it e sulla pagina Facebook dell’iniziativa) e dalla prossima settimana anche tramite app, insomma funziona. E funziona anche meglio del passato: «in media – spiega Mauro Sasso – registriamo un 10% di segnalazioni in più rispetto al 2012, ultimo anno di attività del servizio. Le segnalazioni non sono gravi, anche perché non tutti i bagnanti conoscono i contenuti dell’ordinanza balneare, pertanto si limitano a segnalare quello che nell’opinione pubblica è un reato comune. Andrebbe redatto un “decalogo del bagnante” affinché anche chi va in spiaggia sappia, senza possibilità di errore, cosa fare, cosa non fare e cosa segnalare. Da parte delle amministrazioni comunali pugliesi, poi, ci vorrebbe in generale più attenzione alla divulgazione e al rispetto dell’ordinanza».  

Il coordinamento di associazioni che fa capo all’800.894.500 ha anche una serie di idee da sviluppare, per le auspicabili edizioni future dell’iniziativa: ampliare la rete di segnalazioni ai reati non demaniali, estendere il servizio ai mesi non deputati alla balneazione, promuovere campagne di sensibilizzazione tra i cittadini che ancora non conoscono il giovane, utilissimo, servizio.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Ambiente // Scritto da Serena Ferrara // 18 agosto 2016