NETTUNO-REAL ADELFIA 8-3| Pioggia di gol sul fanalino di coda

Sport // Scritto da Bartolomeo Pasquale // 16 gennaio 2016

NETTUNO-REAL ADELFIA 8-3| Pioggia di gol sul fanalino di coda

I ragazzi di mister Sasso centrano la sesta vittoria nel campionato di Serie C1
"Terzo tempo", ogni martedì e giovedì sul canale youtube Bisceglie in diretta

“Terzo tempo”, ogni martedì e giovedì sul canale youtube Bisceglie in diretta

Nettuno Bisceglie-Real Adelfia 8-3

Nettuno Bisceglie: Gangai, Pasquale, Marino, Salerno, Colangelo, Drapni, Lamanuzzi, Arcieri,  Sergio De Cillis, Dell’Olio, Ricchitelli, Di Clemente, Di Molfetta. Allenatore: Bartolo Sasso.

Real Adelfia: Lopriore, Latorre, Raso, Papa, Remine, Colaemma, Cassano, Bosco, Sassanelli, Sisto. Allenatore: Umberto Cassano.

Arbitri: Saverio Bottalico di Bari e Domenico De Candia di Molfetta

Reti: 4° Drapni, 9° Sisto, 10° Colangelo, 12° Drapni, 18° Bosco (autogol), 25° Colaemma, 31° Arcieri, 45° Arcieri, 52° Colaemma (rigore), 54° Salerno, 58° Pasquale.

Note: ammoniti Salerno, Arcieri e Colaemma. Espulsi Gangai al 14° e Cassano al 45°.

La grandinata abbattutasi sul manto sintetico del Centro Sportivo Aurora non ha interrotto la marcia del Nettuno Calcio a 5 caro al presidente Tonio Papagni centrante il quarto risultato utile consecutivo in campionato, nonché la seconda vittoria di fila dopo l’affermazione sulla Diaz nell’ultima stracittadina datata 12 gennaio.

A farne le spese, seppellita da ben otto reti, è la cenerentola Real Adelfia, ultima in graduatoria con soli 7 punti e giunta sull’Adriatico con dieci uomini a disposizione. Per mister Bartolo Sasso ancora out Lavolpicella, Goffredo e De Feudis a cui si è aggiunta la defezione last minute di Landriscina. Recupera Salerno partito dalla panchina.

Una gara che ha visto i padroni di casa tenere costantemente il pallino del gioco per tutti i 60 minuti, calando fisicamente per il grande freddo della giornata solo nella seconda frazione, dove l’Adelfia ha potuto cercare maggiormente lo specchio di una porta ben protetta da Di Molfetta. Da menzionare i gol con il Nettuno che parte subito all’attacco e trova il primo sigillo di Drapni su azione personale al quarto minuto. Sisto ristabilisce l’equilibrio cinque minuti più tardi ma neppure il tempo di ritornare a centrocampo che su banda destra Arcieri è pronto a servire Nico Colangelo che a centro area ha siglato in girata il 2-1.

Al 12° la doppietta personale firmata Drapni con un tiro che non lascia scampo al malcapitato Lopriore, ma a due giri di lancette i biancazzurri restano provvisoriamente in inferiorità numerica con l’espulsione del portiere Leo Gangai, reo di aver commesso fallo in piena area su un avversario. Gangai ha protestato vivamente nell’occasione del rosso in quanto ha ritenuto di non averlo affatto sfiorato. Penalty per i gialloblu che hanno l’occasione di riavvicinarsi ma il secondo Damiano Di Molfetta intuisce il tiro di Remine.

Al 18° ottima incursione dalla sinistra del Nettuno, la palla balla al limite del’area e l’ospite Bosco mette dentro la propria porta in spaccata, allargando il gap fra le due squadre. Il primo tempo si chiude con un Real Adelfia che preme per cercare di tornare in partita con tentativi pretestuosi ed inconcludenti fino a cinque minuti dal termine con il gol di Colaemma.

Un momento di Nettuno-Real Adelfia

Un momento di Nettuno-Real Adelfia

Nella ripresa non cambia nulla: al pronti via è subito Emanuele Arcieri a farsi trovare pronto a tu per tu con il portiere firmando il provvisorio 5-2 con un bolide. Il Nettuno ha così giocato di rimessa attendendo gli errori degli avversari, resosi tuttavia pericolosi con Remine che dalla distanza ha mandato fuori di pochissimo.

All’38° la partita viene interrotta per cinque minuti a causa di un blackout all’impianto elettrico, dovuto da un fulmine abbattutosi sul campo. La battente pioggia scesa ha creato non pochi problemi ai giocatori delle due squadre nel corso del match ma essa ha potuto proseguire con regolarità una volta terminate le precipitazioni.

La sfida è così ripresa con l’Adelfia vicina al gol per mezzo dell’inzuccata di Remina che finisce di poco alto; lo stesso numero cinque ospite replica al minuto 43 sempre di testa ma stavolta è Colangelo a farsi trovare preparato per spazzare la palla sul primo palo.

Qualche minuto dopo è il momento del sesto gol biancazzurro con Emanuele Arcieri che ha bruciato Lopriore su calcio di punizione, guadagnato per fallo commesso da Cassano. Nell’occasione il numero 7 adelfiese viene allontanato dal direttore di gara per somma di ammonizioni.

Ancora Real Adelfia al minuto 46 con Sisto che ha guadagnato un rigore stavolta trasformato da Colaemma per il 6-3. Lo stesso Colaemma prova dal limite dell’area a dieci minuti dal termine con la sfera che lambisce il palo più lontano.

E’ l’ultima occasione per gli ultimi della classe che hanno mantenuto costante il loro possesso palla ma non hanno più impensierito seriamente Di Molfetta. I ragazzi di Sasso hanno così chiuso i giochi con Francesco Salerno al 54°, abile a trovare Lopriore fuori dai pali con un tiro da metà campo e con Pietro Pasquale che ha timbrato il trionfo a due minuti dal fischio finale per il definitivo 8-3.

La classifica sorride quindi ai ragazzi del presidente Papagni, ora undicesimi in classifica a quota 21 punti, tenendo il fiato sul collo dei cugini del Santos a sole due lunghezze avanti. Prossimo turno previsto per sabato 23 gennaio sempre sul terreno amico del Centro Sportivo Aurora contro la Trulli e Grotte Castellana.

Chi è Bartolomeo Pasquale

Bartolomeo Pasquale nasce a Molfetta il 15 Gennaio 1987. All'età di dodici anni vince il premio speciale alla seconda edizione del premio scolastico "Vincenzo Fata" con il video-report dal titolo "Bisceglie in dieci minuti". Redattore per Bisceglie in diretta dal 2008, è stato presentatore per programmi radiofonici, spettacoli e contest, conseguendo il titolo di giornalista pubblicista nel 2010. Laureato in Giurisprudenza con tesi in Diritto del Lavoro presso l'Università degli Studi di Bari, è praticante avvocato dal Novembre 2012.




Sport // Scritto da Bartolomeo Pasquale // 16 gennaio 2016