Medici senza vacanze: al via la raccolta farmaci pro Benin

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 14 luglio 2016

Medici senza vacanze: al via la raccolta farmaci pro Benin

Iniziativa presentata a Palazzo Tupputi
20160712_122021

Raccolta di farmaci per l’Africa

Una raccolta di farmaci da consegnare allo staff di medici e volontari che a settembre lascerà la Puglia in direzione Benin.

A presentare il progetto, nella stanza degli specchi di Palazzo Tupputi, i “Medici senza vacanze”, volontari che in Africa, presso l’ospedale “de la Croix”, hanno condotto già millequattrocento interventi chirurgici e visitato oltre 8.000 persone. L’associazione, con sede a Monopoli, dal 2009 raggruppa personale sanitario e non sanitario,  per fini di solidarietà sociale. In italia, si adopera per garantire uno stile di vita sano e dignitoso a chi non ne ha la possibilità. In Benin presta supporto a donne, uomini e bambini, con spedizioni ogni sei mesi.

Quest’anno i “Medici senza frontiere” effettueranno interventi di chirurgia generale e chirurgia plastica, per cui sono necessarie terapie preparatorie e post-operatorie. Trovando supporto nel comune di Bisceglie, che ha deciso di patrocinare l’iniziativa, raccoglieranno a Bisceglie farmaci che i cittadini potranno  acquistare nelle farmacie locali e destinare agli aiuti umanitari.

20160712_123204

La presentazione dell’iniziativa

Il centro di raccolta farmaci sarà allestito l’Avis cittadina, farmaci che i cittadini potranno, dove sarà possibile donare anche direttamente un contributo in denaro.

«Servono antibiotici, anche generici, antinfiammatori e antibatterici come il Bactrim, paracetamolo, multivitaminici, pomate dermatologiche e fili di sutura – spiega il vicepresidente della onlus di Monopoli dottor Norberto Pellegrino.Meglio evitare invece flebo e altri farmaci liquidi, occupano molto spazio e pesano troppo. Sarebbe bene concentrarsi su poche tipologie di farmaci e cercare la quantità. Se non si riesce a completare almeno un ciclo di terapia, il farmaco rischia di diventare inutile».

L’appello del presidente dottor Giovanni Ostuni è però anche alla partecipazione diretta alle missioni africane: «Servono medici, perché ustioni, labbri leporini e tumori in aumento sono un’emergenza, ma servono anche altre professionalità. Chiunque, volendo, può dare il proprio contributo. È davvero un’esperienza che arricchisce».

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 14 luglio 2016