MANFREDONIA-SANTOS CLUB 6-2 | All’Under 21 gialloblu non basta la doppietta del pivot Amato

Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 18 febbraio 2016

MANFREDONIA-SANTOS CLUB 6-2 | All’Under 21 gialloblu non basta la doppietta del pivot Amato

La giovane compagine biscegliese a secco lontano dal PalaDolmen dallo scorso 6 gennaio

Manfredonia-Santos Club 6-2 

Manfredonia: Portovenero, Taronna, D. Specchio, Vitulano, Caracciolo, Falcone, M. Specchio, Colucci, La Torre, Spano, Orbelli, Tattilo. Allenatore: Miki Grassi (squalificato)
Santos Club: Ricchiuti, Brescia, Cassanelli, F.Preziosa, I. Uva, G. Preziosa, Mugeo, Amato, Dell’Olio, Di Pilato. Allenatore: Mauro Tritto
Arbitro: Ponzano (Termoli); Crono: Nacchiero (Foggia)
Reti: 08’52” Orbelli, 11’32″ Colucci, 23’18” Spano, 30’05” e 31’28” Amato, 32’55″ La Torre, 34’00” Orbelli, 38’46” Spano (tiro libero)
Ammoniti: I. Uva, Mugeo, Dell’Olio
Espulsi: al 33’33” Mugeo per doppia ammonizione; al 38’44” D. Specchio.

E’ un 2016 sicuramente non nel segno della continuità per la compagine Santos Club Under 21, sconfitta 6-2 sul difficile campo dei pari età del Manfredonia.

Al palaScaloria il giovane e ambizioso team allenato da Mauro Tritto non è riuscito a bissare il successo ottenuto una settimana prima ai danni del Futsal Capurso. L’ultima vittoria ottenuta lontano dal PalaDolmen risale allo scorso 6 gennaio, quando i gialloblu espugnarono l’ostico fortino del Futsal Canosa (2-3); al contrario, tale data risulta essere ormai dimenticata per il Manfredonia di mister Grassi: dopo il ko con il Futsal Bisceglie, sono arrivati ben cinque successi consecutivi, decisivi per il sorpasso al 4° posto proprio ai danni del Santos Club.

Starting five biscegliese composto da Ricchiuti tra i pali, Ivan Uva, Cassanelli, Brescia e Amato. Già dai primi minuti di gioco si assiste ad una gara maschia e combattuta, con entrambe le formazioni pronte a sferrare l’assalto decisivo verso il quarto gradino della graduatoria.
Con i pochissimi spazi concessi dalle due squadre nella prima metà di gara, il vantaggio locale arriva all’8’52” quando Spano serve dalla banda destra Orbelli che in tap-in deve solo depositare da pochi passi.

Così, la gara sale d’intensità: il team presieduto da Davide Sangilli ha due volte la palla del possibile pari con capitan Gianluca Preziosa, intervallate dai due tentativi sipontini di La Torre e Orbelli. Manfredonia che successivamente dimostra di capitalizzare al meglio le occasioni avute: cross dalla destra di Falcone verso Colucci che infila la rete del 2-0. Il forcing attuato dagli ospiti nel finale di primo tempo non produce gli effetti sperati, merito anche dei decisivi interventi dell’estremo Portovenero.

Ad inizio ripresa subito occasionissima per il Santos Club con Davide Amato, ma Portovenero è strepitoso nel deviare in corner. Scampato il pericolo, il Manfredonia insidia la porta di Ricchiuti con Michele Specchio e Spano, autore del tris biancoceleste.
Così, il Santos Club tira fuori l’orgoglio e colpisce la traversa con Leandro Brescia; successivamente Mugeo impegna Portovenero, nuovamente decisivo con un altro provvidenziale intervento.

Il Santos Club preme l’acceleratore con grinta e determinazione, accorciando le distanze grazie alla rete di Davide Amato. Passa un minuto e i gialloblu accorciano sul 3-2 con un calcio di punizione dello stesso numero 10 biscegliese (seconda doppietta nelle ultime due gare per lui). Nel suo momento migliore, il Santos Club incassa il 4-2 siglato da La Torre, chiudendo virtualmente la contesa.

Al 33’33” il team di mister Tritto perde Giulio Mugeo per doppia ammonizione: sesta infrazione dei gialloblu e tiro libero per il Manfredonia. Dal dischetto, però, Michele Specchio spreca il tentativo, angolando troppo. Successivamente Orbelli sigla il momentaneo 5-2. Mister Tritto scuote i suoi: veemente la reazione dei ragazzi, che assediano la porta locale, ma Portovenero risponde ancora in maniera decisiva. Nel finale, il Manfredonia approfitta della settima infrazione commessa dai biscegliesi per arrotondare il risultato e portarsi dunque sul definitivo 6-2 con il tiro libero realizzato da Spano.

Nicola Colangelo

Chi è Nicola Colangelo

Redattore sportivo, ha iniziato la sua collaborazione con Bisceglie in diretta a partire da ottobre 2012. Attualmente è impegnato negli studi universitari con il corso di laurea in Scienze della comunicazione.




Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 18 febbraio 2016