Magica l′Estate al Tempio di Villa Consiglio: il trio Mauro Giuliani stupisce con un inno al tempo e alla bellezza

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 31 luglio 2016

Magica l′Estate al Tempio di Villa Consiglio: il trio Mauro Giuliani stupisce con un inno al tempo e alla bellezza


Un’opera scritta 20 anni fa, ma che sembra provenire dal futuro e voler raccogliere tutta l’eredità del passato.

Contamin/Azioni, l’esperimento che il Trio Giuliani (Vincenzo Mastropirro, Antonino Maddonni  e Giambattista Ciliberti) porta avanti con il pittore Paolo Siancalepore, è musica anche per lo sguardo.

Il lavoro intraprende la strada contaminativa fra musica e pittura e  ne esalta gli aspetti attivo – partecipativi delle parti in gioco.
Sulla scena agisce un pittore, impegnato in un lavoro estemporaneo che è rivisitazione “mediterranea” della performing art pollockiana e agiscono i musicisti, i cui interventi fondono e confondono, in un variegato gioco dinamico, l’esecuzione tradizionale e la libera improvvisazione. L’effetto è, ogni volta, di assoluto shock emotivo.

Per la seconda serata di “Estate al tempio”, la rassegna a cura di Stefania D’Addato per la direzione artistica di Vincenzo Mastropirro, la scelta è ricaduta sul più magico degli spettacoli in rassegna.

Protagonista microfonato, oltre al tempio funerario della settecentesca villa privata Consiglio, anche un metronomo, che batte il tempo a 60 per segnare lo scorrere del tempo, sempre uguale e indifferente ai fatti della vita e  alle passioni umane. Indifferente agli scopi di quel tempio funerario mai utilizzato, che muto e solido incornicia per contrasto il movimento della performance liquida e spiazza lo spettatore.

A perdita d’occhio il pubblico che ha presenziato all’insolito e particolarissimo gioco di sinestesie, confermando il successo di una idea: quella, coraggiosa, di rendere la bellezza fruibile a tutti. Che si tratti di una dimora privata come quella della nobildonna Maria Consiglio, di una indecifrabile partitura musicale, dell’emozione dell’artista mentre viene fissata su tela, tutto può contagiare l’animo di un pubblico sensibile e muoverlo a nuova bellezza. Il difficile è saperlo fare, dote che ai direttori della rassegna e ai musicisti scelti per l’edizione che si chiuderà domenica 31 luglio, certo non manca.

L’appuntamento con l’ultimo spettacolo è alle ore 20.30 di domenica 31 luglio, con lo spettacolo “rEsistere” a cura del The New Jazz Project (Antonio Dambrosio & Improbabilband). Ospiti: Felice Mezzina, Cirillo Franco, Franco Angiulo, Vincenzo Mastropirro e Gianni Vancheri.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 31 luglio 2016