L’UNIONE TRIONFA A CORATO E FESTEGGIA L’ECCELLENZA!

Sport // Scritto da Vito Troilo // 31 maggio 2015

L’UNIONE TRIONFA A CORATO E FESTEGGIA L’ECCELLENZA!


L’under D’Angelo e uno stratosferico Amedeo Di Pinto (31 gol stagionali a 38 anni) spingono gli azzurri alla vittoria dello spareggio playoff

Atletico Corato-Unione Calcio Bisceglie 0-2

Atletico Corato: Camerino, Saragaglia (dal 106° D’Ascoli), Landini, Sylla, Losito, Cifaratti, Daluiso, Pensa (dal 75° Ragno), Di Francesco, Terrone (dal 60° Zaza), Lomuscio. Allenatore: Mimmo Leonino. A disposizione: Bellanza, Di Vincenzo, Martinelli.
Unione Calcio Bisceglie: Delfino, Bufi (dal 60° Malerba), Papagno, Gabriele Monopoli, Rizzi, Moreo, D’Angelo, Amoroso (dal ° Grammatica), De Lorenzo (dal 46° Ciardi), Di Pierro, Di Pinto. Allenatore: Mimmo Di Corato. A disposizione: Napoletano, Angelo Monopoli, Pasculli, Abruzzese.
Arbitro: Pascariello di Lecce (Donatelli di Taranto, Cleopazzo di Lecce).
Reti: 105° D’Angelo, 116° Di Pinto.
Note: spettatori 1200. Ammoniti: Bufi, Zaza, Saragaglia, Di Pierro, Grammatica, Di Pinto. Espulsi: Gabriele Monopoli al 46° per doppia ammonizione, mister Di Corato e Terrone (dalla panchina) al 118° per comportamento non regolamentare.

L’Unione Calcio Bisceglie ha battuto 2-0 l’Atletico Corato nella finale playoff del girone A del campionato di Promozione guadagnando la pole position nella classifica dei ripescaggi che significa, di fatto, un posto nel prossimo torneo di Eccellenza (peraltro già a disposizione considerando che quattro formazioni hanno lasciato la categoria fra promosse e retrocesse mentre dalla Serie D è sceso solo il Grottaglie e dalla Promozione sono state promosse Gravina e Otranto), quello riservato alla formazione meglio piazzata fra le vincitrici delle finali nei due gironi. I 76 punti totalizzati dalla compagine biscegliese (come dagli avversari della finalissima) sono persino superiori ai 68 con cui l’Otranto si è imposto nel girone B.

Finale non bellissima, nella quale la formazione allenata da Mimmo Di Corato si è fatta preferire per l’intensità e l’impegno, mostrando anche una migliore organizzazione sul rettangolo di gioco.

Nonostante l’inferiorità numerica per l’espulsione del difensore under Gabriele Monopoli allo scadere del primo tempo (doppia ammonizione), il team azzurro ha continuato a fare la partita, cogliendo i frutti del lavoro di un’intera stagione col vantaggio firmato dal giovane Alan D’Angelo al 105° e il raddoppio del monumentale bomber Amedeo Di Pinto (31 gol stagionali a 38 anni!) nel secondo overtime in contropiede.

Gioia indescrivibile per la società del presidente Enzo Pedone, di Giuseppe Ruggieri e Leonardo Pedone, che accede al massimo campionato dilettantistico regionale centrando il secondo passaggio di categoria in appena tre stagioni di attività. Lo sport biscegliese festeggia un avvenimento importante, un’occasione storica di crescita per tutto il movimento calcistico cittadino, che potrà vantare la presenza del Bisceglie in Serie D e dell’Unione in Eccellenza.

Approfondimenti e interviste ai protagonisti in serata

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Sport // Scritto da Vito Troilo // 31 maggio 2015