Libriamoci, il circolo Don Pasquale Uva racconta

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 2 novembre 2016

Libriamoci, il circolo Don Pasquale Uva racconta


20161025_083016Anche il IV Circolo Didattico “Don P. Uva” di Bisceglie ha partecipato alla III Edizione del progetto “Libriamoci”, il progetto nazionale di promozione della lettura promosso dal Centro per il Libro e la Lettura (MiBact) e dal MIUR. Una esperienza entusiasmante che, a posteriori, la scuola intende raccontare e condividere con il pubblico dei lettori della stampa locale, con un resoconto felice di proprio pugno che la redazione di Bisceglie in Diretta ha scelto di pubblicare.

Il testo, che riportiamo integralmente di seguito, vale da considerazione sul valore aggregante della lettura ad alta voce, troppo spesso relegata nella scuola a semplice routine: animando, con un po’ di fantasia, le storie di carta che i libri raccontano al cuore, si può invece fare del verbo leggere un sinonimo di emozionare.

IL RACCONTO

Da lunedì 24 ottobre, per un’intera settimana, la scuola si è trasformata in un luogo di incroci di persone, di esperienze e… di parole: nei corridoi, dietro le porte delle aule, in giardino si vedevano gruppi di bambini con gli sguardi incantati, intorno a lettori che prestavano voce ai personaggi più magici, alle parole più solide e nutrienti per animi in crescita.

“Un bambino che legge sarà un adulto che pensa”: questo il convincimento forte di tutti coloro che con entusiasmo, impegno e generosità, hanno promosso le attività di lettura, nelle quali oltre seicentocinquanta alunni della scuola dell’infanzia e primaria sono stati coinvolti: si tratta di una rete comunitaria educante estesa, costituita da tutti gli operatori della scuola e dagli insostituibili lettori volontari, provenienti da diversificati settori di esperienza lavorativa.

20161025_103844_001Carlo Bruni, direttore artistico del Teatro Garibaldi di Bisceglie, e l’attrice Nunzia Antonino hanno animato “Gli Sporcelli” e il “GGG” di Roald Dahl per gli alunni di classi III e V; Francesco Tammacco, attore della Compagnia teatrale ”Il carro dei comici”, ha narrato le peripezie più note di Don Chisciotte della Mancia agli alunni di classe IV.

L’insegnante madrelingua inglese  Daniel Reed ha dato voce e musica ai personaggi di “Charlie and the factory of chocolate” nelle classi II; la dottoressa Sonia Storelli, pediatra con esperienze di volontariato con Medicines sans Frontieres, e il giornalista e scrittore Luca De Ceglia hanno raccontato “Matilda” ai piccoli alunni di classe I.

La dottoressa Pierangela Rana, promotrice da anni del progetto “Nati per leggere”, ci ha ricordato, con le parole di Roald Dahl, che “Una persona con pensieri gentili non potrà mai essere brutta. Potrà avere il naso bitorzoluto e la bocca storta e…, ma, se ha pensieri gentili, questi le illumineranno il viso come raggi di sole, e apparirà sempre bella”.

L’allenatore e maestro Aldo Papagni ha acceso l’animo dei piccoli uditori, parlando di calcio e riportando tra tutti le parole del fair play, attraverso la lettura del decalogo e il dott. Damiano Rana, neurologo, con bambini e genitori ha parlato di “consapevolezza” e “mindfulness”, attraverso le parole di Thich Nhat Hahn.

Cetta Gallo, riferimento cittadino degli amanti della pagina scritta, si è fatta portatrice della dolcezza di Nicoletta Costa E di Viviane Lamarque agli alunni di classe III e dell’ironia di Camilleri e di Gregoretti in “Pinocchio (mal) visto dal gatto e dalla volpe” con i bambini di classe II e, ai più piccini, ha letto “Il più furbo” di Mario Ramos.

Svariate attività di continuità verticale afferiscono allo stesso progetto: alunni e insegnanti dei due ordini di scuola coinvolti, ma anche di scuola secondaria di I grado, si sono incontrati per attività di lettura e artistico-espressive.

Il dirigente scolastico prof.ssa Francesca Castellini ha partecipato agli eventi in veste di interprete della storia d’amore senza tempo “Romeo e Giulietta”.

La stessa afferma: «L’esperienza del Progetto Libriamoci è una testimonianza del fermento che caratterizza la proposta formativa del IV Circolo Didattico, sempre in dialogo con i bisogni dell’utenza. Come Dirigente, ho avuto modo di di cogliere la sensibilità, l’entusiasmo e la sinergia con i quali si è lavorato durante tutta la settimana e di questo non posso che ritenermi soddisfatta».

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 2 novembre 2016