Le donne, il dialetto, il talento: la Fidapa presenta due libri a cura di Elisabetta La Groia

Cultura // Scritto da Serena Ferrara // 27 febbraio 2017

Le donne, il dialetto, il talento: la Fidapa presenta due libri a cura di Elisabetta La Groia

Testimonianze linguistiche sul matrimonio a Bisceglie nel passato

“Il talento delle nonne”.

Un appuntamento speciale, quello che la sezione Fidapa-Ibpw di Bisceglie, in collaborazione con il Centro studi biscegliese, organizza nell’ambito delle manifestazioni sul tema nazionale “Il Talento delle donne”.  L’omaggio alle donne e nonne del presente e del passato, in programma presso la Sala degli Specchi di Palazzo Tupputi mercoledì 1 marzo alle ore 18:30, si avvale del lavoro di ricerca di Elisabetta La Groia, autrice di “Il matrimonio a Bisceglie. Tradizione e testimonianze del matrimonio negli anni Cinquanta” e “ La lingua dialettale biscegliese. Grammatica del dialetto di Bisceglie”, editi nella collana del Centro studi biscegliese (Quaderni 47-48).

Attraverso i racconti e  ricordi in dialetto di tre nonne volontarie, l’autrice ha ricostruito minuziosamente la ritualità che accompagna il matrimonio e la preparazione del corredo, approfondendo inoltre l’uso della lingua legato alle pratiche nuziali.

I libri hanno origine dalla Tesi di Laurea in Dialettologia Moderna intitolata “Bianca è la Puglia del ricamo. Analisi diacronia del dialetto di Bisceglie”. Punto di partenza dell’intero lavoro sono tre registrazioni vocali di tre donne, nate tra gli anni ’20 e ’30 di Bisceglie, che, nella lingua dei ricordi, ovvero il dialetto, raccontano il loro matrimonio e la preparazione del corredo. Ne scaturisce un disegno delle tradizioni legate all’evento più importante della vita di una donna a quell’epoca, simbolo della realizzazione femminile nella società: dalla scelta della sposa alla proposta di matrimonio, dalla preparazione del corredo alla sua esposizione, dalla festa spezzata o continuata al lunedì della tavola.

I testi delle registrazioni vocali, trascritte foneticamente, hanno costituito la base per l’analisi linguistica del dialetto locale da un punto di vista della fonetica, del consonantismo, e della morfosintassi.

L’analisi linguistica effettuata è anche diacronica in quanto, il dialetto biscegliese studiato è stato confrontato con il lavoro risalente al 1939 di Iolanda De Gregorio dal titolo “Contributo alla conoscenza del dialetto di Bisceglie”, sottolineandone quindi una lieve evoluzione verso una semplificazione della lingua.

A seguire, è presente un lessico, formato dalle parole più interessanti tratte dalle registrazioni stesse, analizzato etimologicamente.

All’evento interverranno il dottor Tommaso Fontana, Presidente del Centro studi biscegliese, il sindaco Francesco Carlo Spina ed Elisabetta Grande, presidente Fidapa Ibpw sezione di Bisceglie. Modererà la professoressa Marcella Di Gregorio. Le letture dialettali saranno a cura di Angela Garofoli; l’appuntamento si concluderà con una degustazione di dolci tipici della tradizione nuziale biscegliese.

 

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Cultura // Scritto da Serena Ferrara // 27 febbraio 2017