L’Ambrosia regola Taranto e diventa padrona del suo destino

Sport // Scritto da Vito Troilo // 17 aprile 2016

L’Ambrosia regola Taranto e diventa padrona del suo destino

Match mai in discussione. Sabato sarà sufficiente vincere a Vasto per conquistare i playoff

Ambrosia Bisceglie-Cus Jonico Taranto 78-64

Ambrosia Bisceglie: Stella 10 (3-6), Torresi 13 (2-3, 2-5), Gambarota9 (1-2, 1-2), Drigo 15 (2-6 ,3-4), Cecchetti 14 (7-12), Leggio 12 (4-9, 1-1), Chiriatti 2 (0-1, 0-2), Cercolani 3 (1-2, 0-3), Falcone (0-1 da tre), Ricchiuti (0-1). Allenatore: Alessandro Fantozzi.
Cus Jonico Taranto: Bastoni 4 (1-3, 0-1), Circosta 19 (4-6, 2-6), Potì 10 (2-4, 2-5), Malfatti 17 (3-6, 3-4), Orlando 4 (1-4, 0-3), Osmatescu 4 (2-5, Conte (0-4, 0-2), Della Torre (0-1 da tre), Tinto 6 (2-3, 0-1). N.e.: Stola. Allenatore: Giovanni Putignano.
Arbitri: Venturini di Capannori (Lucca), Miniati di San Giovanni Valdarno (Arezzo).
Parziali: 25-11,  44-30, 62-44.
Note: spettatori 700. Usciti per cinque falli:  Orlando. Fallo antisportivo: Chiriatti (12°), Osmatescu (29°). Fallo tecnico: Orlando (36°). Tiri da due: Ambrosia Bisceglie 20-42, Taranto 15-35. Tiri da tre: Ambrosia Bisceglie 7-18, Taranto 7-23. Tiri liberi: Ambrosia Bisceglie 17-26, Taranto 13-18. Rimbalzi: Ambrosia Bisceglie 39 (28+11, Leggio 8), Taranto 27 (21+6, Malfatti 7). Assists: Ambrosia Bisceglie 19 (Stella 11), Taranto 11 (Circosta 3).

Tredicesima affermazione stagionale per l’Ambrosia Bisceglie al termine di un confronto senza particolari sussulti con un Cus Jonico Taranto mai realmente a contatto. Il team nerazzurro ha regolato gli avversari grazie a un avvio bruciante, frutto di quell’intensità agonistica incredibilmente mancata nella precedente sfida interna con Martina. I rossoblu di coach Giovanni Putignano hanno retto solo cinque minuti, incassando un 10-0 (tripla di Leggio per il 22-9) che ha scavato un solco incolmabile per gli ospiti.

Il vantaggio di Mauro Torresi e compagni si è mantenuto costantemente sopra la doppia cifra per tutto il resto del match, raggiungendo le 18 lunghezze a inizio secondo quarto (29-11 con un canestro di Cecchetti). Malfatti in uscita dalla panchina e il ricorso per alcuni tratti alla difesa a zona non sono stati sufficienti a Taranto per rimettere in discussione l’andamento della contesa.

Circosta, dal perimetro, ha firmato il minimo scarto fra le due contendenti nella terza frazione (44-33), cui Bisceglie ha replicato con un ispirato Leggio e Gambarota da oltre i 6,75 (parziale di 11-2 per il 53-35).

Ultimo periodo in totale controllo per l’Ambrosia, che ha toccato il massimo vantaggio sul +21 (78-57) a poco meno di due minuti dal termine. Cinque atleti in doppia cifra e Mauro Stella in doppia-doppia (10 punti, 11 assists) i dati più rilevanti di un nitido successo per effetto del quale ora Chiriatti e soci si sono impadroniti del proprio destino: sarà sufficiente espugnare Vasto sabato 23 aprile (ore 20:30) nell’ultima gara della prima fase per assicurarsi il tanto sospirato accesso ai playoff. Un obiettivo fortemente desiderato da società e pubblico.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Sport // Scritto da Vito Troilo // 17 aprile 2016