L’Ambrosia conquista il quadrangolare “Midi Fruits”. Vittoria in finale su un tenace Cerignola

Sport // Scritto da Vito Troilo // 15 settembre 2014

L’Ambrosia conquista il quadrangolare “Midi Fruits”. Vittoria in finale su un tenace Cerignola


Ambrosia Bisceglie-Udas Cerignola 75-71

Ambrosia Bisceglie: Stella 16, Torresi 12, Gambarota 7, Drigo 4, Orlando 14, Cena 14, Scarponi 3, Abassi 5, Falcone, Vitanostra. N.e.: Galantino, Amoruso. Allenatore: Pasquale Scoccimarro.
Udas Cerignola: Maggi 9, Serazzi 14, Mazzotta 14, Jonikas 6, Martone 11, Di Nanni 8, Liguori 3. N.e.: Mennuni, Taddeo. Allenatore: Matteo Totaro.
Arbitri: Spano di Sannicandro, Pepe di Adelfia.
Parziali: 22-18; 43-36; 57-53. Nessun uscito per falli.

Juve Trani-Cus Jonico Taranto 77-75

L’Ambrosia Bisceglie ha conquistato il trofeo “Midi Fruits” superando l’Udas Cerignola nella finalissima del quadrangolare disputato tra venerdì e domenica sul parquet del PalaDolmen. Molto combattute entrambe le sfide della serata conclusiva: la Juve Trani ha piegato, nella finalina per il terzo posto, il Cus Jonico Taranto, che ha fallito il tiro della vittoria con Gianluca Salerno sulla sirena. Il match decisivo per l’aggiudicazione della competizione è stato tiratissimo: merito del coriaceo team allenato da Matteo Totaro, che ha dimostrato di possedere tutte le credenziali per vincere il campionato di Serie C.

Differente sarà il percorso dell’Ambrosia Bisceglie di Pasquale Scoccimarro, che ha lavorato sodo sul piano fisico nei primi venti giorni di preparazione e a metà del percorso che condurrà al 5 ottobre, data del debutto nel torneo di Serie B, è a buon punto sul piano dell’esecuzione dei giochi offensivi. Domenica sera, complice un filo di stanchezza in più e la tenace prestazione di Cerignola, i nerazzurri hanno costruito molti tiri aperti, specie dal perimetro, fallendoli.

Gli ofantini, aggressivi e ben organizzati, sono rimasti sempre in partita e hanno messo paura ai padroni di casa trovando il primo vantaggio a pochi minuti dal termine con un 2/2 dalla lunetta di Raffaele Di Nanni (66-67). L’Ambrosia ha fatto valere la maggiore lucidità dei suoi elementi migliori nelle battute conclusive del confronto: quattro punti consecutivi del capitano Mauro Torresi e una tripla di Mauro Stella dal 71 pari al 74-71 hanno dato il successo ai nerazzurri, che sul possesso decisivo hanno costretto l’ex di turno Frank Mazzotta alla palla persa.

In evidenza il play Mauro Stella, cui è andato il titolo di mvp del quadrangolare. La sua impronta nella conduzione della squadra è già presente e influisce positivamente sulla gestione del gioco. In una serata caratterizzata dalle percentuali non esaltanti dei tiratori il contributo dei lunghi in termini di fatturato offensivo è risultato fondamentale: Enzo Cena e Salvatore Orlando hanno segnato 14 punti a testa. Lo staff tecnico continuerà a far lavorare duramente la squadra per ottenere la massima efficienza possibile a rimbalzo sui due lati del campo.

L’Ambrosia riprenderà ad allenarsi martedì 16 settembre, entrando nella seconda parte del precampionato. Nel prossimo weekend i nerazzurri saranno di scena al PalaPinto di Mola per un quadrangolare coi padroni di casa, Martina e Francavilla.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Sport // Scritto da Vito Troilo // 15 settembre 2014