La Grande Guerra e l’arma dei Carabinieri: inaugurata la mostra UNESCO

Attualità // Scritto da Grazia Pia Attolini // 8 giugno 2015

La Grande Guerra e l’arma dei Carabinieri: inaugurata la mostra UNESCO


Sarà aperta fino al 30 giugno presso il Museo Diocesano

Dare risalto alla memoria dei carabinieri e delle altre forze armate che hanno combattuto durante il primo conflitto mondiale e speso la loro vita. Con questo intento è stata allestita la mostra “La Grande Guerra. La Memoria, La Corrispondenza, Le Divise 1915-2015” dalla sezione locale dell’UNESCO in collaborazione con altre associazioni cittadine.

Collezione delle divise storiche dell’Arma dei Carabinieri ubicata nella Sala Rappresentanza dell’11°Battaglione Carabinieri Puglia di Bari e di proprietà del dottor Paolo Caradonna; selezione a tema di quadri della Pinacoteca dell’11° BTG medesimo; raccolta completa delle Cartoline Storiche dell’Arma dei Carabinieri e un’ampia selezione della corrispondenza militare, carte e documenti d’interesse archivistico e storico di proprietà del collezionista Vitoronzo Pastore. Sono queste le sezioni di cui si compone la mostra tematica inaugurata nella serata di domenica 7 giugno al primo piano del Museo Diocesano e che si pone in continuità con la mostra sul centenario dalla Grande Guerra a cura del Rotary Club in collaborazione con Confcommercio, presente al secondo piano dello stesso museo (leggi qui: Vicini e lontani dal fronte. Storie e personaggi della nostra terra a cento anni dalla prima Guerra Mondiale).

Autorità presenti all'inaugurazione della mostra

Autorità presenti all’inaugurazione della mostra

Alla cerimonia di inaugurazione hanno preso parte la presidente del club fautore dell’iniziativa, Pina Catino, il direttore del Museo Diocesano Giacinto La Notte, il direttore del museo etnografico Luigi Palmiotti, il presidente della sezione biscegliese dell’associazione nazionale dei Carabinieri.

A tagliare il nastro inaugurale il sindaco e presidente della provincia Bat, Francesco Spina:

Oltre che un doveroso omaggio al sacrificio di tanti uomini, queste iniziative offrono l’occasione per ricordare le conquiste positive che derivarono da quel conflitto, prima fra tutte il rinsaldato spirito di unità nazionale. Di quella tragedia che insanguinò l’Europa dobbiamo fare tesoro anche per evitare che posizioni populiste ed estremiste possano minare il processo di costruzione dell’unione europea e in generale il bene supremo della Pace.

Ospite d’onore della cerimonia il Colonello Rosario Castello, Comandante Provinciale dei Carabinieri che ha espresso il suo apprezzamento per l’iniziativa e ha ricordato il ruolo dei Carabinieri durante il primo conflitto mondiale:

La prima guerra mondiale è momento topico dell’utilizzo dell’arma:  durante la Grande Guerra perirono oltre 21mila carabinieri, molti dei quali ebbero un ruolo determinate in difesa dei territori presidiati dall’esercito.

Il Comandante Castello ha inaugurato anche la mostra tematica allestita preso il museo etnografico.

Hanno collaborato e aderito all’inziativa: Arma dei Carabinieri, associazione nazionale dei Carabinieri, Archeoclub d’Italia (sezione di Bisceglie), Comune di Bisceglie, Regione Puglia, Centro Studi Biscegliese, Rotary Club di Bisceglie, Lion Club Andria ” Costanza d’Aragona”, Lions Club di Bisceglie, Nova Canendi Academia ” Gino lo Russo – Toma” sedi Bisceglie e Bari e .

La mostra sarà aperta nei giorni sabato e domenica dal 7 al 30 giugno con due turni di visite guidate: alle ore 19 e alle ore 20. L’apertura è su prenotazione: si può contattare il numero 360984485.

Grazia Pia Attolini

Chi è Grazia Pia Attolini

Giornalista pubblicista, laureata in Lettere moderne, sta completando gli studi universitari in Filologia Moderna. Attualmente è in Servizio Civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Protezione Civile e si occupa di comunicazione, social media, stampa, diffusione della conoscenza. Redattrice di Bisceglie in Diretta dal 2010, ha ricoperto anche la carica di segretario di redazione. Ha collaborato con Radio Centro e si occupa della presentazione di eventi e incontri culturali. Responsabile della comunicazione dell'associazione Giovanni Paolo II, intervista personalità di spicco del Vaticano, del mondo dello spettacolo e della società civile. Attiva nel sociale e nel volontariato, è anche capo scout.




Attualità // Scritto da Grazia Pia Attolini // 8 giugno 2015