In consiglio tutte le divergenze fra sindaco e opposizione sulla questione piscina comunale

Politica // Scritto da Vito Troilo // 16 marzo 2016

In consiglio tutte le divergenze fra sindaco e opposizione sulla questione piscina comunale

Edilizia residenziale pubblica, Angarano chiede una cernita dei disagi abitativi e un bando per la selezione di professionisti biscegliesi per l’esecuzione dei lavori

Consiglio comunale straordinario e di breve durata, con appena due interrogazioni (naturalmente presentate dall’opposizione) all’ordine del giorno, entrambe illustrate da Angelantonio Angarano e alle quali, come sempre, ha fornito risposte il sindaco Francesco Spina (gli assessori e i consiglieri di maggioranza, come noto, non prendono quasi mai la parola).

Seduta valida a prescindere dal raggiungimento del numero legale (comunque erano presenti in 16 e Tonia Spina ha comunicato di non poter partecipare perché impegnata fuori città). Le differenze, piuttosto evidenti ai più, sull’idea di gestire la cosa pubblica che intercorrono fra il Partito Democratico e il primo cittadino sono riemerse prepotentemente riguardo l’interpellanza in merito al “grave inadempimento nel pagamento dei canoni di gestione relativi alla concessione della piscina coperta di via Ugo La Malfa con annessi palestra e centro benessere”, firmata da Angarano, Casella, Pedone, Preziosa, Storelli e Cosmai.

I banchi della maggioranza

I banchi della maggioranza

«Un atto dovuto, considerati i contorni sfocati della vicenda» ha affermato Angelantonio Angarano, introducendo il tema e sottolineando il provvedimento adottato dalla giunta lo scorso 21 dicembre 2015 al fine di ottenere i 172mila euro di crediti vantati nei confronti della Nicotel Wellness Bisceglie srl. «Questa società, dopo appena un anno di gestione, ha comunicato le difficoltà a effettuare il pagamento del canone. Perché la giunta ha atteso 5 anni per dare mandato all’avvocatura comunale di provvedere al recupero delle somme dovute?» si è chiesto il consigliere dem, aggiungendo: «Perché non si è presa in considerazione l’ipotesi della risoluzione del contratto?». 

Sussiste, parallelamente all’azione intrapresa nelle scorse settimane dalla giunta attraverso l’avvocatura comunale, una procedura di riscossione già aperta da Equitalia per un importo di 104 mila euro. La replica del sindaco sulla vicenda è partita da una considerazione di fondo: «Sarebbe bastato chiedermi un parere legale. Le opere pubbliche si sudano e la piscina è una straordinaria opera pubblica realizzata con lo strumento del project financing. L’investimento del privato di 3,5 milioni è spalmato su 25 anni». Sul presunto conflitto d’interessi di Rachele Barra, Spina ha affermato: «Nel 2007, quando abbiamo avviato gli atti amministrativi per verificare la possibilità di costruire la piscina comunale, non la conoscevo neppure. Come avrei potuto sapere che in seguito si sarebbe candidata nelle mie liste, sarebbe stata eletta in consiglio comunale e l’avrei nominata assessore? In quale modo avrebbe mai potuto influenzare un contratto di concessione del 2009?».

Netta la divergenza di veduta fra il sindaco e l’opposizione: per il primo, il contratto con Nicotel Wellness Bisceglie srl non può e non dev’essere risolto, per gli altri è una prospettiva da tenere in considerazione e valutare. «Se decidessimo di chiudere saremmo senz’altro costretti all’obbligo di indennizzo in favore degli investitori per compensare l’aumento di valore dei terreni che si è realizzato grazie all’impegno di chi ha partecipato al project financing» ha puntualizzato Spina, introducendo un aspetto tutt’altro che secondario della faccenda e cioè le conseguenze in termini finanziari, per le casse comunali, di una rottura con la società. «Non dobbiamo rischiare di regalare soldi a un privato» ha aggiunto il primo cittadino. «Il pignoramento è peraltro già stato attivato mediante Equitalia nel 2012» ha concluso

Angarano, nella controreplica, ha provato a tirare le somme: «Il sindaco, con le risposte fornite, non ha certo risolto il problema. Quindi dobbiamo dedurre che i canoni non saranno pagati? Nulla di personale da parte nostra nei riguardi di Rachele Barra» la cui posizione sulla questione, secondo le opposizioni, andrebbe meglio chiarita.

Angelantonio Angarano del Partito Democratico

Angelantonio Angarano del Partito Democratico

Distanze più ridotte sulla seconda interrogazione, riguardante la “pubblicazione del nuovo bando per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica”. Angarano, partendo dalla constatazione che oltre 1200 famiglie biscegliesi si rivolgono agli uffici comunali per ottenere il contributo fitti e che, a suo giudizio, sarebbe ora di istituire un’agenzia comunale per la casa, ha accolto positivamente quanto deciso dalla giunta nelle ultime ore (link all’articolo).

Spina ha risposto che «presto saranno messi a disposizione ben 200 alloggi che non graveranno sul bilancio comunale», specificando che saranno «12 le unità immobiliari in zona ospedale, 20 in zona Pirp, 21 nel centro storico attraverso il Contratto di quartiere e 40 attraverso il Pruacs» e aggiungendo che il bando per le assegnazioni dovrà essere redatto «con la coscienza a posto». Angarano ha concluso chiedendo «una precisa cernita del disagio abitativo».

Chiusura di natura politica. «L’altro PD magari è interessato a qualche consulenza» ha detto il consigliere comunale di minoranza. «Segnaliamo i bandi e se voi partecipate ottenendo finanziamenti noi siamo contenti. Il bando regionale per l’edilizia pubblica residenziale ha consentito a Bisceglie di ottenere 4,5 milioni di euro per le ristrutturazioni di diversi immobili sul territorio comunale. Propongo un avviso pubblico attraverso cui scegliere giovani ingegneri, architetti e geometri: sarebbe una bella boccata d’ossigeno per categorie professionali che non vivono momenti particolarmente felici».

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Politica // Scritto da Vito Troilo // 16 marzo 2016