“Impiatta puglia”: ecco il libro che omaggia la Puglia, delle sette toque d’oro di Bisceglie

Cultura // Scritto da Serena Ferrara // 21 dicembre 2015

“Impiatta puglia”: ecco il libro che omaggia la Puglia, delle sette toque d’oro di Bisceglie


Carlo Papagni (team manager), Pantaleo Dell’Olio, Giuseppe Frizzale, Mario Musci,  Domenico Lampedecchia, Giovanni Lorusso, Vito Losciale. S0no sette “come le note”, “come i saggi filosofi greci”, “come i giorni della settimana” come gli “uomini d’oro” di un noto film.

Dal palco delle Vecchie Segherie, in occasione della presentazione di “Impiatta Puglia” gli assi della Dolmen Culinary Team sono stati definiti in tutti i modi: “padelle prodigio”, “toque d’oro”, «ambasciatori della cultura locale, che fanno il territorio» nelle parole del sindaco Francesco Spina. O ancora, dal consigliere delegato all’agricoltura del Comune di Bisceglie, nonché alleato del team da antica data Enzo Di Pierro,«centroavanti del mondo produttivo e delle istituzioni, che ricevono un assist e segnano ogni volta un goal».

Ma loro, ha spiegato il sostenitore di antica data dell’operazione Culinary Dolmen Team, chef e prof. Giacomo Giancaspro, «sono innanzitutto chef. E, al di là del patrimonio di medaglie mondiali di cui cui sono titolari, in questo momento stanno dando al mondo del gusto una straordinaria lezione di umanità. In questo libro ci sono generazioni diversi di talenti della cucina che, superando i personalismi esasperati che sono propri di questi contesti, hanno capito da tempo che per crescere bisogna stare insieme e confrontarsi. L’umiltà paga sempre e questo libro lo dimostra: chi mantiene i piedi per terra fa le cose con scienza e con coscienza. Sono cuochi 3.0, in grado non solo di saper fare, ma i saper emozionare e comunicare».

“Impiatta Puglia”, seconda pubblicazione del team dopo “L’appetito vien gustando”, è il secondo atto di amore del team di chef biscegliesi. Edito da De Feudis con il contributo del GAL Ponte Lama e con i contributi della Misura 313 az. 1, 2 e 3, contiene 80 proposte culinarie dedicate alla Puglia, “svelate” ai lettori assieme alle rispettive tecniche di preparazione. Un atto di amore nei confronti della terra, di cultura ed educazione ai fornelli, che, tra tradizione e innovazione, testimonia la passione, la professionalità e l’amore per una professione vissuta come arte e non come lavoro.

A contribuire al volume, storicamente introdotto dal giornalista Luca De Ceglia, anche altri chef di prestigio, tra cui Vito Semeraro, Mario Demuro, Cristina Bowerman, Francesco Gotti, Felice Lo Basso e Heinz Beck.

Alla presentazione, moderata dal giornalista Michele Peragine, sono invece intervenuti: il sindaco Francesco Spina,  il consigliere regionale Francesco Ventola, lo chef Michele D’Agostino, il manager del team Carlo Papagni, il prof. Giacomo Giancaspro, il consigliere delegato all’agricoltura Enzo Di Pierro e il giornalista Luca De Ceglia.

Plaudendo al lavoro del GAL, patrocinatore dell’iniziativa, il consigliere regionale si è augurato «che nel futuro con i fondi del nuovo PSR, il loro ruolo possa essere sempre più orientato a fare educazione alimentare e promuovere lo sport. Così solo si otterrebbero vantaggi sociali e sulla spesa sanitaria, oltre a fare della cucina, un alleato sempre più trasversale, al turismo, alla promozione territoriale e alla salute comune».

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Cultura // Scritto da Serena Ferrara // 21 dicembre 2015