Il sangue cordonale: attualità e prospettive future, un convegno sabato 13 febbraio

Attualità // Scritto da Alessia La Notte // 29 gennaio 2016

Il sangue cordonale: attualità e prospettive future, un convegno sabato 13 febbraio

L’incontro, a carattere scientifico, è promosso dalla sezione biscegliese Adisco

La sezione biscegliese dell’Adisco, associazione donatrici italiane sangue del cordone ombelicale, ha promosso un convegno scientifico sabato 13 febbraio, presso la sala convegni del Nicotel.

L’evento, nato dalla sinergia con Lazzaro Di Mauro, direttore della banca cordonale di San Giovanni Rotondo, sarà occasione per discutere, da un punto di vista scientifico, sull’utilità del dono di sangue del cordone ombelicale (SCO), sulle novità e le nuove prospettiva di cura.

Il dibattito, che avrà luogo dalle ore 9:00 alle ore 13:00, sarà introdotto da Lazzaro Di Mauro e Lella Di Reda, presidente della sezione Adisco di Bisceglie.

Interverranno numerosi esperti ed esponenti dell’Adisco, provenienti da diverse regioni: Simona Pollichieni, dirigente biologo del laboratorio di istocompatibilità e IBMDR e banche del sangue del cordone degli Ospedali Galliera di Genova, Simonetta Pupella, vice direttore del centro nazionale sangue, istituto superiore di sanità di Roma e membro del comitato scientifico nazionale di Adisco, Marina Buzzi della banca cordonale presidenza del Policlinico Sant’Orsola Malpighi di Bologna ed esperta nell’utilizzo del gel come collirio nelle affezioni oftalmiche, Michele Santodirocco, ematologo, dirigente di medicina trasfusionale e della banca cordonale della regione Puglia, Paolo Rebulla, ematologo clinico della Fondazione IRCCS Cà Granda, Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, massimo esperto nella preparazione e nell’utilizzo di gel piastrinico, oltre che membro del comitato scientifico nazionale di Adisco, Michele Scelsi del coordinamento regionale per le attività trasfusionali di Bari (Crat), Giorgina Specchia, ematologa del Policlinico di Bari, Angelo Ostuni della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) del Policlinico di Bari e Antonio Belpiede, medico del reparto di ostetricia di Bisceglie.

L’Adisco Nazionale sarà rappresentato da Giuseppe Garrisi, segretario nazionale e presidente regionale. Si auspicano le presenze del sindaco della città, del presidente della regione e del direttore generale della ASL-BT, che hanno concesso i loro patrocini.

L’obiettivo è di porre l’attenzione sulla assoluta necessità di aumentare il numero delle donazioni e quindi delle unità depositate presso le banche pubbliche di SCO, in rete tra loro, in Italia e nel mondo, per dare la possibilità di un trapianto indispensabile a salvare una vita.

Nella seconda sessione del convegno, si farà il focus circa la possibilità di utilizzo delle cellule staminali cordonali per la preparazione di un gel piastrinico da utilizzare, presso gli ospedali pubblici, nella cura delle malattie rigenerative.

Il convegno si rivolge non solo a tutti gli operatori sanitari del settore (con validità di 4 crediti formativi ECM) e agli studenti dei corsi universitari di Medicina, Ostetricia, Scienze Infermieristiche (con il rilascio di attestati di partecipazione), ma tutti coloro che sono interessati a questo tipo di tematiche.

La partecipazione è gratuita previa pre-iscrizione presso il sito www.myecmweb.it. Per informazioni contattare la segreteria organizzativa ai numeri: 0882.410687 (dottor Giuseppe Miscio, banca sangue cordonale regione Puglia, San Giovanni Rotondo); 3487/ 431350 (dottoressa Lella Di Reda) o agli indirizzi mail: g.miscio@operapadrepio.it; nunzia.direda@alice.it.




Attualità // Scritto da Alessia La Notte // 29 gennaio 2016