IL RETTORE PETROCELLI: VIVA L’ESERCITO DEGLI INSEGNANTI

Attualità / Politica // Scritto da Serena Ferrara // 4 febbraio 2013

IL RETTORE PETROCELLI: VIVA L’ESERCITO DEGLI INSEGNANTI


DSC01153

Iniziativa elettorale del PD

Quello della scuola è da 150 anni e più un tema caldo delle campagne elettorali. E il Partito Democratico, che quest’anno ha voluto sperimentare i forum tematici, dopo aver parlato di commercio e agricoltura, non poteva che affrontare la questione istruzione.

Sede dell’incontro, che si è svolto domenica 3 febbraio, è stato l’auditorium S. Croce. Tanti i presenti al meeting, che tra gli ospiti di peso, ha annoverato anche il Rettore dell’Università di Bari, senatore Corrado Petrocelli, e l’ex preside del liceo prof. Saverio Mongelli. Immancabili le presenze dell’on. Margherita Mastromauro, dell’on. Francesco Boccia (entrambi candidati alla Camera) e del candidato al senato prof.ssa Assuntela Messina.

Ad aprire le danze, in qualità di moderatore del dibattito, il consigliere comunale Angelantonio Angarano, che ha chiarito gli scopi dell’incontro: non criticare l’operato dei passati governi in tema di istruzione, ma progettare il futuro della scuola. Tuttavia le conseguenze degli errori del passato hanno ripercussioni forti sul presente e pertanto non potevano restar fuori dal dibattito.

Se in dieci anni l’Università ha registrato 50.000 iscritti in meno (il 17 %), una causa ci sarà. I numeri fanno riflettere: è laureato appena il 19% degli italiani con età compresa tra i 30 e 40 anni, contro il 30% della media europea. Le borse di studio, poi, per gli studenti italiani non sono più di 130.000, mentre gli altri stati UE ne elargiscono non meno di 300.000 a testa. Scottante anche il dato sull’età degli insegnanti: i docenti italiani sono i più vecchi d’Europa e un giovane insegnante inglese con famiglia guadagna più di un docente con venti anni di carriera alle spalle.

IF

Petrocelli, Angarano, Mastromauro

«La scuola – ha puntualizzato la prof.ssa Messina –  è il solo ponte per il futuro. E’ vero che il popolo è sovrano, ma è altrettanto vero che per esercitare la sua sovranità e rispondere ai problemi  quotidiani, necessita di essere illuminato dalla conoscenza. Il vero errore dei governi del passato? Continuare a riformare la scuola senza ascoltare i suggerimenti di chi la scuola la vive quotidianamente».

«È su questo fronte che intende battersi il Pd– ha commentato Francesco Boccia- ascoltare la base e portare i suggerimenti nel futuro governo, cosa che è già stata fatta in passato ma con sforzi inutili perché i numeri dei parlamentari non  lo permettevano».

Quasi poetico l’intervento del Rettore Petrocelli, che in pochi tratti ha ricostruito quanto fatto dalla sinistra a partire dal dopoguerra: lotta all’analfabetismo, biblioteche diffuse in tutto lo Stivale, nuove strutture scolastiche. «Abbiamo dimenticato tutto questo, abbiamo marginalizzato la funzione dell’istruzione pubblica, abbiamo affidato al pubblico ludibrio la scuola. In Italia la dispersione scolastica tocca ancora punte del 19%, laddove la media europea è del 10%; in Italia acquisisce un titolo di istruzione secondaria il 56 % dei giovani, contro il 73% della media UE. 

IF

Un momento della mattinata

Visto che si ama finanziare le missioni militari all’estero, ebbene diciamolo: io sono per l’esercito, ma per un esercito civile, fatto da tutte quelle migliaia di insegnanti che sanno metter su un’orchestra, realizzare uno spettacolo teatrale, che continuano ad autovalutarsi e mettersi in discussione giorno dopo giorno.

La politica prenda esempio dalla scuola, dove né si scende, né si sale, ma si cammina tutti insieme».

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità / Politica // Scritto da Serena Ferrara // 4 febbraio 2013
  • Mimì Capurso

    Il Magnifico Rettore Petrocelli a Bisceglie? Bel colpo, iscritti, elettori e Dirigenti della locale sezione del Partito Democratico. Di certo è un onore per i biscegliesi tutti aver ospitato un personaggio di così alto rango culturale. Beh, ora non montatevi la testa!