Il pronostico del giornalista Antonio Genchi sul campionato di Eccellenza

Sport // Scritto da Bartolomeo Pasquale // 28 luglio 2016

Il pronostico del giornalista Antonio Genchi sul campionato di Eccellenza

L’Unione di Zinfollino possibile outsider nella lotta al titolo

Che sia o no il campionato più bello della nostra regione non lo si può affermare dopo lustri di slogan e discussioni ma che sia una delle massime categorie regionali più difficili da affrontare è una certezza.

Si può passare dove si vuole nei singoli angoli della nostra bellissima Italia: non si troverà di certo un torneo che susciti entusiasmo, isteria, angoscia e attesa come quello dell’Eccellenza Pugliese.

Nella massima serie del tacco d’Italia si propongono sfide nelle sfide e si giocano i derby più belli come quelli che affondano le radici in rivalità campanilistiche risalenti nel tempo: Barletta-Trani, Molfetta-Unione Bisceglie, Molfetta-Bitonto solo per fare alcuni esempi. Incontri che hanno spesso un notevole peso morale per l’intera stagione.

Tutte vogliono il titolo lasciato dal Gravina, salito in serie D nella passata stagione da protagonista indiscusso, facendo il vuoto davanti alle inseguitrici. Fra queste, Altamura e Barletta sono alla ricerca di un riscatto dopo aver sfiorato la gloria solo qualche mese fa; c’è voglia di ricominciare da parte di Unione Calcio Bisceglie, Molfetta e Trani dopo un’annata di assestamento nonché la tranquillità non indifferente di Casarano e Cerignola, pronte a fare lo sgambetto a tutte le altre concorrenti.

Una fiera dei sogni perché almeno nelle programmazioni societarie, nelle impegnative campagne acquisti delle squadre e nel grande conseguente sforzo economico dei presidenti la promozione nella quarta serie calcistica nazionale la meriterebbero più squadre.

Antonio Genchi, già cronista sportivo per PugliaCalcio24 e Calciowebdilettanti, ha provato a delineare per Bisceglie in diretta la griglia di partenza del torneo di Eccellenza Pugliese 2016/2017, individuando i “promossi” dal calciomercato estivo.

«Il Gravina della scorsa stagione ha dato una prova di forza e di compattezza spaventosa. I gialloblù hanno dominato in lungo e in largo rendendo il torneo anche “noioso” visto che già a marzo si capiva chi avrebbe vinto poi alla fine. Quest’anno, almeno sulla carta, dovrebbe essere un campionato più avvincente con 4-5 squadre che si stanno ben attrezzando e che possono ambire alla promozione. Oltre a queste, ci sarà sempre la sorpresa che, partendo a fari spenti, si potrà inserire al vertice». 

Vincenzo De Santis, nuovo direttore sportivo del Barletta

Vincenzo De Santis, nuovo direttore sportivo del Barletta

Quasi scontata la composizione della prima fila: la sorpresa ci viene data dalle retrovie con il Cerignola, la cui quotazione è salita vertiginosamente e che affianca il Barletta di mister La Cava: «Se dovessi creare una griglia di partenza in pole position ci metterei l’Altamura, cui è stata bocciata la domanda di ripescaggio: gli innesti ex Gravina pongono i murgiani come i normali favoriti. Alle spalle dei biancorossi metto un po’ a sorpresa il Cerignola che ha mezzi economici importanti, il Barletta che si sta rinforzando bene grazie all’esperienza del diesse De Santis (proveniente dalla  faticosa stagione con il Bisceglie, ndr) e il Bitonto che con i vari Manzari, Terrone, Zotti ed Albrizio ha un parco attaccanti di primissimo livello».

Enzo Pedone, presidente dell'Unione Calcio Bisceglie

Enzo Pedone, presidente dell’Unione Calcio Bisceglie

Fra le diciotto partecipanti, l’Unione Calcio Bisceglie del nuovo corso di mister Gino Zinfollino, rinforzatosi con forze fresche e motivate nel recitare un ruolo da protagonista: «L’Unione ha un’organizzazione societaria molto importante per la categoria. Il presidente Enzo Pedone ha fatto bene a scegliere Zinfollino come nuovo allenatore dopo la bella esperienza di Trani. Il tecnico andriese avrà voglia di riscatto dopo un’annata in cui è stato contestato dal pubblico tranese e i mezzi ci sono tutti. I giocatori che sono arrivati e che stanno arrivando conoscono lui e i suoi metodi di lavoro e sono sicuro che gli azzurri potranno ambire almeno alla zona playoff».

L’ultimo pensiero di Genchi va alla lotta per il trono del gol, quest’anno più agguerrita che mai con il ritorno in quinta divisione di Pierino Zotti nelle fila del Bitonto, con l’innesto Nicolas Di Rito per il Barletta e con la riconferma di Umberto Del Core ad Altamura: «Sono tutti giocatori importanti con una carriera costellata da vagonate di gol. Aggiungerei anche Gigi Rana che ad Altamura con Di Maio potrà ripetersi dopo l’annata scorsa dove regalò al Gravina gemme importanti per la serie D».

Pierino Zotti nella foto di Emmanuele Mastrodonato per www.forzabisceglie.it

Pierino Zotti nella foto di Emmanuele Mastrodonato per www.forzabisceglie.it

 

Chi è Bartolomeo Pasquale

Bartolomeo Pasquale nasce a Molfetta il 15 Gennaio 1987. All'età di dodici anni vince il premio speciale alla seconda edizione del premio scolastico "Vincenzo Fata" con il video-report dal titolo "Bisceglie in dieci minuti". Redattore per Bisceglie in diretta dal 2008, è stato presentatore per programmi radiofonici, spettacoli e contest, conseguendo il titolo di giornalista pubblicista nel 2010. Laureato in Giurisprudenza con tesi in Diritto del Lavoro presso l'Università degli Studi di Bari, è praticante avvocato dal Novembre 2012.




Sport // Scritto da Bartolomeo Pasquale // 28 luglio 2016