Il graffio del gattino | SHAKESPIRIANA ovvero “L’amletica tragedia del PD”

Attualità / Il Graffio del Gattino // Scritto da Nicola Ambrosino // 21 febbraio 2017

Il graffio del gattino | SHAKESPIRIANA ovvero “L’amletica tragedia del PD”


Una dedica alla scissione del Partito Democratico. Leggere e alleggerirsi l’animo le uniche indicazioni di lettura nei giorni burrascosi della consegna al grillismo dell’Italia.

“Essere e…non tessere, questo è il problema!”,
dissero all’unisono Bersani e D’Alema,
rinchiusi, rancorosi, nella stanza,
confortati da Emiliano e da Speranza.

“Ah…sorte meschina, se sia più nobile sopportare
tutti coloro che ti voglion cacciare…
le percosse e le ingiurie di una sorte atroce” –
scorgendo Matteo Renzi far faccia feroce!

“Oppure prendere le armi contro un mare di guai
costituendo un nuovo partito, non si sa mai…
Morire, dormire, votare…
Niente altro ci porta…se non il restare!”.

“E dire che alla scissione mettiamo fine,
alzando un muro su tale confine,
al dolore del cuore e ai mille colpi
con Emiliano…a friggere polpi!”.

È un epilogo da desiderarsi devotamente,
ma Michele cambia idea frequentemente;
tale è la sostanza e il nesso delle cose…
davanti ad un piatto…di cozze pelose!”.

Morire, dormire…forse sognare…
ben presto finiremo di governare…
e tutti lasceremo, morenti, i confini…
con Boccia, la Boschi e pur con…Orfini!”.

“Perchè in questo sogno di morte
ai cinque stelle hai aperto le porte…
e il pensiero dei sogni che possan venire…
ci rode lo stomaco, con eterno soffrire!”.

“Tessere e…non essere…
questo è il malessere…
questa la fine…che arriverà un bel dì…
questa la morte…del nostro Piddì!”




Attualità / Il Graffio del Gattino // Scritto da Nicola Ambrosino // 21 febbraio 2017